Sapiens Sapiens 11302 punti

L.B. Alberti: Della famiglia - un esempio di educazione umanistica

Il Della famiglia di Leon Battista Alberti costituisce il più importante trattato di educazione scritto in Italia durante l’ Umanesimo. Il testo è scritto in lingua volgare. Ispirandosi al concetto dell’uomo artefice della propria sorte, L.A. Alberti sostiene che non ha virtù chi non la vole, ma per volere la virtù, l’uomo deve aver imparato ad amarla e ciò può avvenire solo ricorrendo ad una educazione adeguata. È al padre di famiglia, sull’esempio latino, che incombe il compito di insegnare ai propri figli tutte quelle virtù necessarie agli uomini liberi e non esiste ragione affinché essi si debbano sottrarre a tale incombenza. I padri devono essere dei buoni osservatori per cogliere tutti quegli indizi che possano svelare la natura dei figli, compreso ciò che potrebbe costituire un vizio incipiente. Quindi l’0elemento fondamentale dell’educazione è la prevenzione, piuttosto che la correzione dei vizi. Per prevenire i vizi è fondamentale l’esempio ed un continuo esercizio che risponda al desiderio di affermazione e di lode insito nella natura umana. Poiché l’esercizio riveste un ruolo fondamentale, L.B. Alberti sostiene che è preferibile allevare i bambini in un ambiente di campagna dove essi si possono dedicare ad ogni tipo di attività, sport o giuochi. In sostanza, Alberti augura un’educazione attiva e virile perché ciò che egli teme è la pigrizia, l’ignavia e la mollezza in genere in cui i vizzi possono facilmente diffondersi. Si dichiara contrario alle punizioni anche se in certi casi ammette che i padri ne possano fare uso.
Alla preoccupazione morale collegata all’educazione si collega la funzione sociale Alberti attribuisce agli studi letterari. L’educazione letteraria non è soltanto un ornamento, soprattutto per il gentiluomo, ma anche strumento di socialità. Sostiene che vengano lette le opere di Livio, Sallustio e Cicerone per trovare in esse esempi di eloquenza così adatta ad una vita civile. Anche gli esercizi fisici e militari devono essere curati che i bambini non fanno fatica ad imparare bene.
Nell’insieme, l’educazione proposta da L.A. Alberti ha lo scopo di formare un uomo libero, indipendente: è un’educazione alla socialità e all’essere cittadino. Tuttavia nella realtà politica del tempo la figura del cittadino era sostituita da quella del suddito e lì’educazione umanistico-rinascimentale ha lo scopo di formare un élite formata da cortigiani molto interessati ai precetti e alle buone maniere.
Hai bisogno di aiuto in Pedagogia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Comenio, Jan Amos - Universalità ed integrità dei processi di educazione