Ominide 2630 punti

Nella seconda metà dell'Ottocento c'è una rinnovata speranza per gli studi scientifici.
Il termine “positivo” deriva dal fatto che l'uomo credeva in modo illusorio di poter dominare il mondo con la scienza.
Lombroso aveva elaborato una teoria per cui le devianze dell'uomo potevano essere identificate con lo studio dell'anatomia del volto (fisiognomica). Ogni caratteristica corrispondeva a un difetto etico ad esempio gli occhi vicini corrispondevano a essere bugiardi. Gli studi del Lombroso sono stati applicati alla criminologia e all’antropologia criminale.
Oggi non riteniamo valide queste teorie ma rimangono un po' nell'immaginario comune.
L'esito del Positivismo in letteratura é il Naturalismo in Francia e poi il Verismo in Italia.
La filosofia positiva è riconducibile a due principi fondamentali, il materialismo e il determinismo. La definitiva spallata alla religione la danno gli studi di Darwin a metà dell'Ottocento, che influenzarono anche la società, infatti per alcuni filosofi (Comte e Spencer) anche nella società vale la legge della sopravvivenza del più forte.

Swift in una sua opera (Modest Proposal) immagina che i poveri potessero mangiare i loro bambini, si risolverebbero così due problemi: la sovrappopolazione e la fame. Contrasto fra pensiero umano e scientifico.
Il Naturalismo si propone di studiare e rappresentare la società in modo naturale, come il geologo, lo studioso letterario studia dei fatti senza alterarli. Il positivismo e il realismo indicano la stessa epoca, sono quasi la stessa cosa solo che il realismo comprende un po' meno, mentre il termine positivismo è più completo.
Una tecnica che influenza soprattutto Verga è la fotografia: essa blocca il tempo e raffigura quello che è, la realtà; non ha pietismo. Anche se però, nonostante la fotografia sia la rappresentazione esatta della realtà, vi è una personalità indiretta, quindi non vi è una totale impassibilità, che ovviamente non si troverà neanche nella letteratura, anche perché l'autore interviene nel testo con la scelta dell'argomento e la sequenza dei fatti.
Il romanzo in questo contesto diventa strumento di conoscenza e di indagine sociale.
Gli autori che diedero vita al naturalismo francese furono: i fratelli De Goncourt, Zola, scrive il Romanzo Sperimentale (Manifesto del naturalismo, nel quale non vuole rappresentare la scienza ma l’uomo tendendo conto delle innovazioni scientifiche) e Guy De Maupassant.

Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario 800?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email