Maturità 2018, cosa fare dopo il diploma? La scelta che concilia passione e opportunità di lavoro

SSML Carlo Bo
In collaborazione con SSML Carlo Bo

Maturità 2018, cosa fare dopo il diploma? La scelta che concilia passione e opportunità di lavoro

La maturità si avvicina e oltre all’esame, c’è un’altra incognita ben più importante da risolvere: che strada intraprendere dopo la scuola? Quale università scegliere? In quale campo specializzarsi? Sono domande alle quali è facile rispondere se sai già che imparare le lingue è la tua passione, magari perché il tuo scopo è quello di diventare un mediatore linguistico. Il 21 aprile, infatti, in tutte e 5 le sedi dell’Istituto di Alti Studi SSML Carlo Bo (Milano, Roma, Firenze, Bologna e Bari) si terrà un open day in cui verrà presentato il corso di laurea in Scienze della Mediazione Linguistica. Per capire come si sviluppa il percorso di studi e comprendere la funzione del mediatore linguistico, noi di Skuola.net abbiamo intervistato la Professoressa Manuela Comoglio, docente di Versione consecutiva e simultanea di lingua tedesca presso l’Istituto di Alti Studi SSML Carlo Bo - di cui è stata anche studentessa - ed interprete . Scopri quello che ci ha spiegato sulla mediazione linguistica.

Il percorso di studi

Un mediatore linguistico, per esser tale, deve necessariamente conoscere le lingue straniere. Per questo motivo, il corso di studi in Scienze della Mediazione Linguistica prevede un’offerta formativa di ben 8 idiomi dove, come conferma la Professoressa Comoglio, “Si studiano veramente le lingue, oltre alle discipline curriculari come le letterature straniere, e soprattutto andiamo a studiare la lingua parlata, quella moderna che viene usata tutti i giorni nella quotidianità e che non si trova sempre sul dizionario”. Come? Semplice, ci spiega, attraverso “tecniche assodate oramai da anni e anni di esperienza, più di 60, come l’interpretazione dialogica o di comunità, e con laboratori tutti attrezzati di LIM”.

Il lavoro del mediatore

Ma cosa fa il mediatore linguistico? Come sottolinea la professoressa Comoglio, si tratta di “una figura di elevato profilo professionale, che riesce ad utilizzare il know how e le tecniche apprese durante lo studio e applicarle”. Tanti gli ambiti professionali in cui è necessaria la presenza di un mediatore linguistico: nelle aziende che hanno rapporto con l’estero, nelle strutture alberghiere, nelle agenzie stampa o nelle organizzazioni internazionali. Tutti ambiti, questi appena citati, in cui è estremamente importante il ruolo del mediatore linguistico che “funge da ponte tra coloro che non riuscirebbero altrimenti a comunicare”. Questa figura si trova infatti, spesso, in situazioni dove il suo ruolo è permettere la comunicazione tra due persone che non parlano la stessa lingua. Il suo compito è proprio quello di farle comunicare. “Attraverso le tecniche apprese durante lo studio, dovrà memorizzare il succo del discorso e trasporlo immediatamente nell’altra lingua, senza che si perda il senso, la tecnicità della lingua e del lessico”.

Una professione piena di stimoli

Un lavoro, quello del mediatore linguistico, certamente dinamico e stimolante, come conferma la professoressa e interprete Manuela Comoglio. “Come interprete, svolgo il mio lavoro in diversi ambiti, come quello turistico o meccanico, o nello sport. In occasione dei Mondiali di calcio o della Champions League, ad esempio, vengo chiamata da agenzie per fare da interprete durante le conferenze stampa o le interviste”. Alla base della sua esperienza, la formazione ricevuta presso l’Istituto di Alti Studi SSML Carlo Bo: “Il mio percorso di studi mi ha permesso di lavorare con sicurezza e di credere nei miei mezzi, sapendo che posso affrontare qualsiasi situazione”. Anche tu sei interessato a intraprendere questa professione? Se vuoi saperne di più, non ti resta che partecipare agli open day organizzati sabato 21 aprile in una delle cinque sedi dell’Istituto di Alti Studi SSML Carlo Bo. Clicca qui per iscriverti!

Consigliato per te
Sei una futura professionista del digitale? Scopri le borse di studio su...