Pronti per la montagna? Ecco tutta la tecnologia da mettere nello zaino

RaffaeleGomiero
Di RaffaeleGomiero
montagna tech

Natale e Capodanno sono ormai un lontano ricordo, ma per fortuna ci sono ancora i weekend e, per qualche fortunato, magari una bella settimana bianca, dove tra sci e snowboard ci si gode qualche meritato giorno di vacanza sulla neve. Ovviamente al giorno d’oggi non si può stare senza tecnologia neanche un’ora, figurarsi qualche giorno, ecco quindi qualche consiglio sui dispositivi da non dimenticare a casa o da comprare per l’occasione.



Guarda anche

Nokia 800 Tough

montagna tech

Portarsi sulle piste l’ultimo modello di smartphone da 1000 Euro potrà sicuramente essere bello e comodo per quando siamo in relax, ma allo stesso tempo rischioso quando siamo sulle piste e rischiamo di rompere il vetro durante una caduta, specialmente se siamo principianti. Meglio portarsi dietro uno smartphone che non avrà l’ultimo display OLED e l’ultimo processore, ma può resistere a praticamente tutto e ci permetterà di avere a portata di mano le app indispensabili. Il Nokia 800 Tough è stato sviluppato proprio con questo concetto, un telefono che offre tutte le funzionalità indispensabili come WhatsApp, Facebook, Instagram e tutti i vari social, in un corpo super resistente in grado di resistere a temperature estreme (da -20°C a 55°C), totalmente impermeabile all’acqua grazie alla classificazione IP68 (può resistere immerso a 1.5 metri per 30 minuti) e resistente a qualsiasi urto o caduta da un’altezza di 1.8 metri. Il tutto garantito da test di standard militare. Grazie alla presenza di un anello per attaccarlo facilmente allo zaino, al polso o a un qualunque cordino, è possibile portarselo dietro per andare a sciare, scalare o semplicemente camminare in montagna. A livello di dimensioni il Nokia 800 Tough pesa solamente 161 grammi, dispone di una tastiera gommata e antiscivolo e ha un design che ricorda molto i cellulari anni ’90. Come prestazioni abbiamo il supporto alle reti $G/LTE, un processore Snapdragon 205, 512 MB di RAM e 4 GB di memoria interna espandibile fino a 32 GB tramite MicroSD. Ovviamente non sono prestazioni nella media, ma non dimentichiamo che stiamo parlando di uno smartphone da portare in viaggio o per essere usato in condizioni estreme. Enorme l’autonomia, la batteria da 2100 mAh garantisce ben 43 giorni (avete letto bene) in stanby e svariati giorni con un utilizzo normale. presente anche una fotocamera da 2 MP che è lì gusto per presenza.
Prezzo: 129 Euro

CrossCall X4

montagna tech

Se volete portarvi in montagna uno smartphone a prova di tutto ma non volete rinunciare alle prestazioni e magari volete anche qualche funzione specifica in più, la scelta non può che ricadere sul CrossCall Trekker X4. Rispetto agli altri smartphone rugged l’aspetto è stato abbastanza curato, per abbastanza intendiamo che potrete anche portarlo in giro in situazioni normali senza sembrare che avete uno smartphone di 5 anni fa. Schermo in Gorilla Glass 5, rivestimento totalmente anti-urto, certificato IP68 può stare immerso 1 ora a 2 metri di profondità e resiste a cadute da 2 metri di altezza. Dopo la resistenza la caratteristica più importante del Trekker X4 è senza dubbio il comparto fotografico. Lo smartphone non solo monta una dual camera con 2 sensori Sony da 12 MP, ma una delle due è una vera e propria action cam con un’apertura grandangolare di ben 170°. Se a livello di foto non si urla certo al miracolo ma potremo fare comunque delle foto che altri smartphone rugged si sognano, è utilizzando il Trekker X4 come action cam che avremo davvero notevoli vantaggi. Tanto per cominciare tramite i numerosi accessori potremo fissare lo smartphone praticamente ovunque come ad esempio sul casco o sul petto, poi a livello di stabilizzazione avremo davvero di che stupirci. Non siamo al livello di un’action cam pura ovviamente, ma il risultato vi potrebbe sorprendere, anche perché registra in 4K a 30 FPS o a 1080p a 120 fps. Inoltre grazie al software già pre-installato, potremo montare i video direttamente sullo smartphone[/b, contando su una nutrita serie di opzioni e pronto per essere condiviso sui social senza aspettare di tornare a casa. Come hardware potremo contare su un processore Snapdragon Qualccomm 660, un display da 5.5”, 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna espandibili tramite MicroSD. Prestazioni ampiamente superiori alla media dei rugged, come del resto l’autonomia, dato che la batteria da 4.400 mAh garantisce 480 ore in standby e 9 ore di utilizzo continuato. Sulla base di questo possiamo dedurre che a fine giornata ci arriviamo in completa tranquillità. Fa tanto, ma costa anche tanto.
Prezzo: 699 Euro

Aeropex Aftershokz

montagna tech

Questi particolari auricolari, oltre ad essere completamente impermeabili e antiurto hanno la caratteristica di essere a conduzione ossea, questo significa che il suono viene trasmesso attraverso le ossa della scatola cranica anziché dai timpani delle orecchie. Il vantaggio è che mentre ascoltiamo la musica possiamo percepire l’ambiente circostante, così da non isolarci completamente quando siamo sulle piste, cosa che potrebbe impedirci di udire gli amici che ci chiamano o qualche avviso di pericolo. Gli auricolari si collegano allo smaprthone tramite bluetooth e hanno un’autonomia di 8 ore in riproduzione continua, più che sufficienti per una giornata sulle piste, per ricaricarli completamente poi sono sufficienti appena due ore. Naturalmente possiamo anche utilizzarle per telefonare in vivavoce mentre scendiamo per le piste.
Prezzo: 169,99 Euro

GoPro Hero Black 8

montagna tech

L’ottava generazione dell’action cam più famosa del mondo naturalmente non poteva mancare a questa lista, ma cosa cambia rispetto alla precedente? Innanzitutto adesso l’attacco è integrato nella scocca, che è leggermente più grande e monta un vetro ultra-resistente Gorilla Glass. Confermata la risoluzione a 4K ma con la possibilità di aumentare il bitrate fino a 100 Megabit al secondo, che permette di avere più informazioni e agevolare la postproduzione nel caso vogliate fare qualche modifica prima di mettere le riprese online sui social. Inserita la modalità notturna per i timelaps e il timewarp, ma quello che sorprende è la nuova stabilizzazione Hypersmooth 2.0 che può essere sfruttata in tutte le modalità di ripresa e con tutti i framerate. Migliorata anche la qualità audio rispetto alla presenza di vento e rumori ambientali e le riprese quando l’illuminazione non è il massimo come ad esempio di sera o nei locali. Rivisto e corretto anche il software, sia quello da installare sullo smartphone che quello a bordo dell’action cam, adesso su quest’ultima sono stati aggiunte molte opzioni e scorciatoie che facilitano l’impostazione. L’ app GoPRo adesso è più stabile e consente di trasferire i video su smartphone e tablet più velocemente per poi condividerli sui social o montarli tramite l’intuitiva interfaccia dell’app. L’autonomia naturalmente dipende da che risoluzione utilizziamo, ma considerate circa 1 o 2 ore di riprese con 1 oretta necessaria per la ricarica completa. Con questo Hero 8 Goro si conferma ancora una volta leader di settore con la miglior action cam in commercio, erto il prezzo non è economico, ma del resto la differenza con la generazione precedente e soprattutto con le altre action cam c’è e si vede.
Prezzo 429 Euro

Raffaele Gomiero
Skuola | TV
Sogni di indossare la divisa? Ecco i consigli per superare i concorsi

Scopriremo tutto quello che c'è da sapere sui bandi e le prove di selezione per l'accesso alle Forze Armate e Forze di Polizia, insieme a Nissolino Corsi, leader nella preparazione alla divisa.

24 febbraio 2020 ore 15:30

Segui la diretta