Borse di studio? Le pagano gli studenti ricchi

Carmine Zaccaro
Di Carmine Zaccaro

Università roba da ricchi, gli studenti pagano le borse

E io pago! O meglio sono gli studenti a pagare per il loro diritto allo studio. L’ultimo Rapporto sulla condizione studentesca 2015 fa una chiara fotografia di come viene finanziato il welfare studentesco in Italia. Nel nostro Paese studiare sta diventando sempre più spesso una faccenda da ricchi. Negli ultimi 15 anni i fondi dello Stato per finanziare il welfare studentesco sono gradualmente diminuiti, mentre è aumentato l’importo della tassa regionale, necessaria per la copertura di borse di studio e aiuti economici.

Università roba da ricchi, gli studenti pagano le borse

LA TASSA REGIONALE PAGA LA BORSA – Ogni anno gli studenti universitari versano al proprio ateneo delle tasse universitarie, tra cui la tassa regionale, necessaria a coprire parte del diritto allo studio, cosi da permettere a studenti meritevoli con ristrettezze economiche di studiare, come previsto dall’articolo 34 della Costituzione. Ma qualcosa non va; se si legge il rapporto salta subito agli occhi come negli ultimi anni le entrate della tassa regionale, che ogni regione chiede agli studenti, sia gradualmente aumentata. Al contrario, il fondo statale integrativo è diminuito, sebbene a partire del 2014 sia stata stabilita una quota fissa che non deve scendere al di sotto dei 150 milioni annui.

Il rapporto però parla chiaro, nell’a.a. 12/13 «si evidenzia come in media il 42,2% dell’intero diritto allo studio sia finanziato dagli stessi studenti ed un consistente 23,6% dalla volontà delle regioni di inserire risorse proprie».

Università roba da ricchi, gli studenti pagano le borse

GLI STUDENTI PAGANO I BENEFICI – Gli studenti universitari sono diventati i veri finanziatori del diritto allo studio. Dal 2009/10 al 2012/13 si evidenzia come ci sia stata una riduzione dei fondi dello stato (FIS) e delle risorse proprie di ogni regione «che hanno speso mediamente il 37,3% in meno per l’erogazione delle borse di studio», rispetto all’aumento della tassa regionale, questa tendenza dimostra che «sono quindi principalmente gli studenti a pagarsi le proprie borse di studio»

Università roba da ricchi, gli studenti pagano le borse

Un video ironico sull'aumento delle tasse

TASSA REGIONALE: AL SUD AUMENTO DEL 100% – Le entrate garantite dalla tassa regionale hanno iniziato a lievitare già alcuni anni fa. Dall’a.a.2009/10 fino all’ultimo 2013/14, c’è stato un incremento del 40% della tassa regionale. Nell’ultimo anno i singoli atenei hanno chiesto ai loro studenti in media, una quota di circa 140€ circa, decisamente in aumento rispetto alla media dei 100€ circa richiesti nel 2009. Sono soprattutto le regioni del Sud ad aver risentito dell’aumento. Negli atenei di Reggio Calabria e Catanzaro, Campania, Puglia e Sicilia nel 2009 veniva chiesto un contributo medio di 70€, nel 2014 il costo della tassa è arrivato a 140€ con un incremento del 100%. Se al Sud conti alla mano gli aumenti sono molto alti, le cose non cambiano nelle regioni di Lazio e Lombardia, alcune delle regioni con maggiore affluenza di studenti. Nel Lazio si è passati dai 118€ del 2009/10 ai 140€ del 2014/15 (+18,6%). In Lombardia la quota è passata da 100€ a 140€ (+40%) in soli 5 anni.

Università roba da ricchi, gli studenti pagano le borse

DIRITTO ALLO STUDIO: CHI PAGA? - In Italia il diritto allo studio è finanziato come prevede il d.lgs. 68/12, all’art. 18, attraverso il Fondo integrativo statale, il gettito della tassa regionale e risorse proprie della regione nella misura pari ad almeno il 40% dell’assegnazione relativa al fondo statale. Nello specifico queste entrate vengono utilizzate per garantire beni e servizi agli studenti svantaggiati economicamente, per garantirgli i diritti sanciti dall’articolo 34 della costituzione.

Università roba da ricchi, gli studenti pagano le borse

Carmine Zaccaro

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta