Università e Coronavirus, le cinque regole per il ritorno in aula

Paolo Ferrara
Di Paolo Ferrara
regole rientro università
Mascherina obbligatoria in aula e obbligo di prenotazione del posto a sedere. Sono queste due delle varie indicazioni fornite dal ministro Gaetano Manfredi per il rientro in presenza previsto nelle prossime settimane. Ai microfoni di Radio 24 ha detto che si tratta di cinque regole generali a cui tutti gli studenti dovranno attenersi per contrastare la diffusione del virus e inaugurare una nuova normalità anche nelle universitarie italiane.
Se sei uno studente o una studentessa universitaria, ecco cosa dovresti necessariamente sapere!

Guarda anche

Rientro nelle università: didattica mista

Dopo mesi contraddistinti dal digitale, tra lezioni telematiche ed esami online, gli atenei italiani riaprono di nuovo i cancelli per l’erogazione della didattica in presenza. Non si può parlare di una riapertura completa perché nelle indicazioni fornite dal Ministero dell’Università si parla ancora di didattica mista. L’obiettivo, infatti, è garantire lezioni sia in presenza sia online per studenti stranieri, extraregionali o per chi, con particolari patologie, non può partecipare in presenza. Il ministro ha presentato così le nuove modalità: “Abbiamo organizzato con tutti gli atenei la ripartenza in presenza a settembre, con affollamento delle aule al 50%, disciplina degli accessi e sanificazione, per la piena sicurezza. Avremo una parte dei corsi in presenza, così come le attività di laboratorio, alcuni corsi verranno ancora tenuti a distanza, anche per garantire la continuità didattica”.

Rientro nelle università: prenotazioni e turnazioni

Se i posti nelle aule universitarie saranno ridotti al 50%, sarà necessario fare delle turnazioni e organizzare le prenotazioni attraverso piattaforme create ad hoc da ogni singola università. L’Università La Sapienza di Roma, ad esempio, ha già definito le modalità per seguire le lezioni in presenza attraverso un primo calendario su base tri-settimanale e una piattaforma, attiva dal 5 settembre, mediante la quale gli studenti potranno prenotare il loro posto. A Firenze, invece, la precedenza per le lezioni in presenza sarà data alle matricole.


Rientro nelle università: mascherine obbligatorie

Gli studenti devo obbligatoriamente rispettare tra loro la distanza di almeno un metro e devono indossare la mascherina per tutto il tempo di permanenza in università. Così come indicato dall’Istituto Superiore di Sanità, inoltre, nelle università dovranno essere seguite delle procedure di sanificazione quotidiana: oltre alla presenza di dispenser di soluzioni igienizzanti, ci dovrà essere un frequente ricambio dell’aria. Nello specifico, le indicazioni prevedono l’apertura delle finestre ad ogni cambio di lezione e comunque non meno di 2 volte al giorno.

Rientro nelle università: per chi ha i sintomi

Chi ha i sintomi da Covid-19 non deve assolutamente recarsi presso l’università dal momento che anche la misurazione della temperatura corporea resta una responsabilità individuale dello studente.

Rientro nelle università: rispetto delle nome di igiene

L’ultima regola riguarda l’igiene: come già detto l’uso della mascherina è obbligatorio. Gli studenti dovranno anche lavare frequentemente le mani o usare gli appositi dispenser, senza toccare il viso e la mascherina.
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Curioso di sapere chi sarà il prossimo ospite? Non ti resta che continuare a seguirci per scoprirlo!

21 settembre 2020 ore 15:30

Segui la diretta