Riccardino, esce l'ultimo libro di Andrea Camilleri: addio Montalbano

Paolo Ferrara
Di Paolo Ferrara
soft skills
Fonte: Sellerio via Fb
Finirà Montalbano. Nel momento nel quale finisco io, finisce anche lui”. Aveva spiegato così Andrea Camilleri ai microfoni di Fanpage.it parlando dell’epilogo della saga più letta e seguita dagli italiani. Ed ecco che arriva l’atto finale del commissario Montalbano con il libro “Riccardino”, disponibile da oggi 16 luglio.
Grazie ai pre-order è stato annunciato come il libro più venduto ancor prima di uscire. Ecco tutto quello che sappiamo sulla trama.

Guarda anche


Andrea Camilleri, uscito il finale di saga di Montalbano


Ad un anno esatto dalla morte di Andrea Camilleri, la casa editrice Sellerio pubblica oggi il capitolo finale della saga che ha per protagonista il commissario Salvo Montalbano, che in televisione ha vestito gli abiti di Luca Zingaretti, inserito nella memorabile collana “La memoria”, ideata da Elvira Sellerio con Leonardo Sciascia. L’editore ha spiegato che quella di “Riccardino” avrà un’edizione speciale con una nota di Salvatore Silvano Nigro affinché i lettori possano “seguire l’evoluzione nel corso del tempo di quella lingua unica inventata da Andrea Camilleri” attraverso due edizioni del romanzo, la prima e quella definitiva, così come desiderava l’autore: “Ho sempre distrutto tutte le tracce che portavano ai romanzi compiuti, invece mi pare che possa giovare far vedere materialmente al lettore l’evoluzione della mia scrittura”. È dal 2006, infatti, che l’editore conserva gelosamente l’ultimo capitolo della saga: ideato nel 2004 e scritto 2005, è stato rivisto nel 2016 dall’autore per rinnovare la lingua senza cambiare la trama. L’agenzia di stampa Adnkronos ha svelato l’incipit di “Riccardino” che proponiamo di seguito.

Il telefono sonò che era appena appena arrinisciuto a pigliari sonno, o almeno accussì gli parse, doppo ore e ore passate ad arramazzarisi ammatula dintra al letto. 'Riccardino sono', disse una voce squillante e festevole, per dargli appuntamento al bar Aurora. Ma Montalbano non conosceva nessuno con quel nome... Un'ora dopo, la telefonata di Catarella: avevano sparato a un uomo, Fazio lo stava cercando”.



Salvo Montalbano, un personaggio inventato in un contesto esistente


Come nei libri precedenti, anche questa volta il lettore si renderà conto che sebbene i personaggi e le situazioni riportate siano completamente inventate di sana pianta dall’autore, il contesto può essere riconducibile a quello attuale. È indubbio che tra il personaggio di Salvo Montalbano e l’autore ci sia un rapporto ironico caratterizzato da una forte dialettica ed è altrettanto vero che ogni passo di ciascun libro sia un motivo di critica e di riflessione. Con la pubblicazione di questo ultimo romanzo, l’editore Sellerio omaggia quindi "uno scrittore, una figura pubblica e una persona straordinaria. Una quarantennale avventura di amicizia, di libri, di lavoro, di divertimento, iniziata nei primi anni ’80 quando Camilleri consegnò a Leonardo Sciascia un faldone di documenti su una strage dimenticata avvenuta a Porto Empedocle nel 1848".
Skuola | TV
Il #TemaSvolto sul Recovery Fund di Roberto Bernabò, Vicedirettore ‘Il Sole 24 ore’

Cerchi un tema svolto sul Recovery Fund? Grazie ai consigli di Roberto Bernabò ti spiegheremo come farlo.

3 marzo 2021 ore 15:30

Segui la diretta