Video appunto: Work Song


Work Song



Il Work Song altro non è che un canto di lavoro, il quale viene intonato per dare una coordinazione o un ritmo a determinate professioni lavorative. Può anche essere una canzone di lavoro legata ad un tipo di professione svolta oppure può anche vista come una sorta di canzone di vera e propria protesta. Rientrano dunque in questo genere di Work Song sia le canzoni cantate durante il lavoro sia quelle che lo riguardano, in quanto le due categorie sono interconnesse.
E’ stato Norm Cohen a categorizzare questo genere di canzoni per tipologia: canzoni agricole, canti marinareschi, canzoni domestiche, canzoni industriali e preindustriali relative al settore tessile e non solo, le canzoni dei lavoratori moderni e quelle che vengono intonate dai prigionieri.

la musica

La loro importanza e le tipologie di Work Songs



Gli Worksongs erano dapprima considerati come un tipo di musica in penombra, ma in realtà sono considerati oggi un genere musicale fondamentale per dare voce a varie generazioni di lavoratori, i quali hanno dato informazioni di vita mediante questi canti.
Julian Edwin "Cannonball" Adderley nell’anno 1960 ha inciso un tipo di standard jazz (Work Song) che prese il nome di "Them Dirty Blues.
Ecco alcuni generi di canzoni:
- le canzoni pastorali o da caccia: erano un genere di canzoni che servivano per dare un ritmo a mansioni meccaniche e cadenzate di piccoli gruppi che si dovevano occupare della caccia fuori da grandi centri abitati. I temi cantati riguardavano l’attività pastorale o degli animali e servivano anche per passare il tempo senza annoiarsi.
- i canti di lavoro afroamericani: altre forme di canto sono state quelle afroamericane che iniziarono ad essere intonate in legame al fenomeno della schiavitù che ha condotto numerosi africani nel Continente americano tra XVII e XIX secolo. Questi si sono diffusi quasi con la fine della schiavitù, ovvero circa dal 1865 ed erano delle forme di canto spontaneo. Alcune hanno avuto come tema quello del ricordo del vecchio Continente africano per gli schiavi, altre sono state create dagli schiavisti per garantire un ritmo nelle attività lavorative. In queste canzoni esiste un leader che intona una strofa e il resto del gruppo che risponde con un ritornello. Sono una sorta di canto di protesta per denunciare le angherie subite dagli schiavi sfruttati dai loro padroni e la loro struttura segue quella tipica dei canti africani.
- i canti di lavoro agricolo: sono quei canti che hanno una struttura a cappella, servono per ritmare il lavoro che è monotono e lento e sono di gruppo. La loro caratteristica è senza ombra di dubbio l’improvvisazione.