Ominide 16919 punti

La chimera d’Arezzo

Un soggetto mitologico: Secondo la mitologia, la chimera era un terribile mostro che sputava fuoco, distruggendo i raccolti. Aveva testa di capro e di leone e coda di serpente. Fu uccisa da Bellerofonte, montato sul cavallo alato Pegaso donatogli dalla dea Atena. L’opera qui analizzata, rinvenuta ad Arezzo nel 1553, venne restaurata nel XVIII secolo, quando fu ricostruita la coda a forma di serpente; con ogni probabilità, in origine il serpente fronteggiava lo spettatore, volgendosi dalla stessa parte della testa del leone. La chimera è raffigurata mentre prepara un attacco. Dalla schiena sporge la testa di capra, ferita sul collo e dunque morente. Sulla zampa anteriore destra è incisa l’iscrizione tinsvil, dedica votiva alla divinità etrusca Tinia, e ciò fa supporre che fosse collocata in un luogo du culto. Il linguaggio visuale: L’opera presenta una evidente stilizzazione: la testa ha una struttura quadrangolare, rigorosamente geometrica; il dorso, privo di manto, mette in evidenza il costato ed è segnato da una cresta, che sottolinea l’incarnarsi del busto nella posizione di attacco. Andamenti lineari fanno percepire la tensione dei tendini e il movimento dell’irta criniera, accentuando l’effetto di aggressività; carattere, questo, evidenziato dalla superficie levigata e lucente del bronzo. L’insieme è caratterizzato da un forte senso del volume. Il ritmo presenta però elementi di variazione: lo vediamo nella direzione delle teste e nella disposizione dei colori, in cui si alternano il rosso e il bianco delle tuniche. L’evidenza di questi colori è affidata anche alla presenza diffusa e contrastante del verde. Le tinte sono stese in modo piatto, determinando superfici bidimensionali. Una linea di contorno delimita le figure, facendole risaltare rispetto allo sfondo. Queste, quindi, appaiono stilizzate, ma al tempo stesso, i soggetti mostrano vitalità, grazie alla morbidezza del segno.
Hai bisogno di aiuto in Mitologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Correlati Caronte
Registrati via email