Maturità 2018, chi sceglierà le tracce (e quando)?

Marcello G.
Di Marcello G.

Nel 2017 il ‘giorno x’ fu il 4 maggio, quando il ministero dell’Istruzione affidò la notizia a un video pubblicato su Youtube. L’anno prima ci pensò direttamente l’allora ministra Stefania Giannini a comunicarlo alla stampa, poco dopo, l’8 maggio. E quest’anno, cosa accadrà? La situazione potrebbe essere molto più banale di quanto s’immagini. Se ne dovrebbe occupare ancora una volta la ministra Valeria Fedeli. È questione di giorni. Di cosa stiamo parlando? Naturalmente delle tracce per le prove della maturità 2018.

Come funziona la maturità senza un Governo?

Dopo le elezioni del 4 marzo scorso tutti pensavano che, di questi tempi, l’Italia avrebbe già avuto un nuovo Governo. Ma, di fronte alla lunga crisi istituzionale che sta attraversando il nostro Paese, questo difficilmente avverrà a strettissimo giro di posta. Nel frattempo, però, le scadenze si avvicinano. Anche per il mondo della scuola. Come abbiamo visto, per tradizione, il Miur ufficializza la scelta degli argomenti che dovranno affrontare gli studenti proprio in questo periodo. E allora, in assenza del nuovo ministro, che fare? ‘No panic’, parafrasando il motto con cui dodici mesi fa Valeria Fedeli ha accompagnato i maturandi verso il grande appuntamento.

Valeria Fedeli: è ancora lei la ministra dell’Istruzione

Perché, in realtà, un governo c’è. Ed è quello guidato da Paolo Gentiloni. Seppur dimessosi lo scorso 24 marzo, l’Esecutivo uscente rimane infatti in carica per i cosiddetti affari correnti, l’ordinaria amministrazione. Tra questi c’è anche quello di garantire il corretto svolgimento della maturità 2018. Dunque, fin quando non giurerà il prossimo governo, la ministra Fedeli resta a tutti gli effetti responsabile delle prove. Perciò non sarebbe una sorpresa se, nei giorni a venire (grosso modo entro la metà di maggio), su canali con cui solitamente comunica il Miur – sito web, Facebook, Twitter, YouTube – appaia la notizia che i maturandi attendono: “sono state scelte le tracce”.

Maturità 2018, le tracce sono già pronte?

Probabilmente, i temi oggetto degli scritti dell’esame di Stato esistono già. A predisporli, è incaricato un gruppo di lavoro - formato da presidi, insegnanti, professori, universitari - che si riunisce a partire dall’inverno precedente; per quella d’italiano i primi incontri avvengono addirittura attorno a novembre. Sono loro a ‘scrivere’ le tracce da mettere sulla scrivania della Fedeli. Solo lei però, in qualità di ministro, potrà dare il via libera e selezionare la rosa di opzioni da inserire nei plichi che verranno consegnati ai ragazzi. Infatti, nella migliore delle ipotesi, ci vorranno ancora, come minimo, alcune settimane prima che un altro ministro entri nel pieno delle sue funzioni. Sicuramente fuori tempo massimo per la maturità 2018.


Marcello Gelardini


Skuola | TV
Angelica Massera ospite della Skuola Tv!

La webstar, molto apprezzata dai più giovani grazie ai suoi video esilaranti, ci racconterà dei suoi progetti futuri! Non solo, cerchremo di capire quali sono i segreti per avere successo sul web! Non perdere la puntata!

21 novembre 2018 ore 15:00

Segui la diretta