Tesina sulle Stragi di Hiroshima e Nagasaki

Tesina di terza media sulle stragi di Hiroshima e Nagasaki. Collegamenti tesina terza media: le bombe su Hiroshima e Nagasaki, il Giappone, le centrali nucleari, i terremoti.

Compra
100% soddisfatti
o rimborsati
  • 62
  • 28-06-2013
E io lo dico a Skuola.net
Introduzione Tesina sulle Stragi di Hiroshima e Nagasaki

Ho scelto questa frase di A. Einstein perché l’argomento su cui si baserà la mia tesina è il lancio della bomba atomica sulle città di Hiroshima e Nagasaki in Giappone. Con questa affermazione lo scienziato ci fa capire quanto potrebbe essere distruttivo l’uso della bomba atomica in una probabile III guerra mondiale, poiché quasi tutti i paesi del mondo potrebbero utilizzarla. Conseguentemente si raderebbe al suolo gran parte della società civilizzata che fa parte del nostro mondo. Una possibile quarta guerra mondiale implicherebbe farla con le pietre poiché l'uomo, dopo aver raso al suolo il suo creato, dovrà ridursi a una guerra primitiva.
Nella mia tesina di terza media partito dallo studio della Seconda Guerra Mondiale, ponendo particolare attenzione all'intervento giapponese nella guerra, ma soprattutto all'epilogo di questa, con il lancio delle due bombe atomiche sulle città nipponiche di Hiroshima e Nagasaki. Ho cercato di tradurre questo argomento anche in tedesco.
Ho approfondito questi argomenti per capire come si sono svolti veramente i fatti; ma soprattutto ho voluto conoscere le cause e le conseguenze delle azioni dell'uomo con la speranza che in futuro si eviti di compiere gli stessi errori e, quindi mi è sembrato giusto collegarmi alla poesia di Salvatore Quasimodo, “Uomo del mio tempo”, perché il poeta afferma che l’uomo non è cambiato con il progresso e con le nuove conquiste scientifiche anzi è diventato ancora più violento. Quindi invita i giovani a non commettere gli stessi errori dei padri per costruire un mondo nuovo fondato sull’amore, il rispetto e la pace.
Di conseguenza, nella tesina, ho approfondito l’argomento studiando la vita e le teorie di Gandhi sulla non violenza per quanto riguarda la lingua inglese.
Ho scelto di parlare del Giappone, analizzandone il territorio, la popolazione e l’economia perché mio padre visita spesso questo paese per motivi di lavoro: io ne ho sentito parlare da quando sono piccolo ed ho avuto il piacere di incontrare amici giapponesi che mi hanno raccontato delle storie specialmente sul Monte Fuji, la montagna sacra, spesso raffigurata da molti artisti, il più noto tra questi è il pittore Hokusai, di cui ho approfondito lo studio per arte e immagine.Una delle figure più affascinanti del Giappone è sicuramente la geisha, una tradizionale artista e intrattenitrice giapponese, abile nelle arti della musica, del canto e della danza. Le geishe erano molto comuni tra il XVIII e il XIX secolo, tanto che hanno ispirato molte opere: tra queste la Madama Butterfly di Puccini, che ho studiato per musica. In Giappone si svolsero le Olimpiadi nel 1964 che furono importanti per diversi motivi tra i quali la scelta del tedoforo: il ragazzo che accese la fiamma olimpica era infatti il primo nato lo stesso giorno dello sgancio della bomba su Hiroshima. Ho trattato questo argomento per Scienze motorie. Il Giappone è una delle regioni più instabili della Terra con manifestazioni vulcaniche e sismiche, per cui ho approfondito le mie conoscenze per quanto riguarda vulcani e terremoti.
In particolare mi sono interessato al grave terremoto del 2011 che provocò uno tsunami e un disastro nucleare nella centrale di Fukushima, approfondendo lo studio sulle centrali nucleari.


Collegamenti
Tesina sulle Stragi di Hiroshima e Nagasaki
.
Italiano - "Uomo del mio tempo", Salvatore Quasimodo.
Storia - Le bombe su Hiroshima e Nagasaki.
Geografia - Il Giappone, il Paese del Sol Levante.
Scienze - I vulcani e i terremoti; il disastro di Fukushima.
Tecnologia - Le centrali nucleari.
Arte e immagine - Hokusai.
Inglese - Mahatma Gandhi.
Tedesco - Le autombombe.
Musica - Madama Butterfly di Giacomo Puccini.
Scienze motorie - Le Olimpiadi di Tokyo del 1964.
Registrati via email
In evidenza