Tesina sulla Scienza

Tesina maturità liceo scientifico sulla scienza. Collegamenti tesina di maturità: Leopardi, Popper, Newton e la legge di gravitazione universale, la teoria della relatività.

Compra
100% soddisfatti
o rimborsati
  • 17
  • 01-07-2013
E io lo dico a Skuola.net
Introduzione Tesina sulla Scienza

La mia tesina si pone l’obbiettivo fondamentale di mostrarvi come questi anni di liceo abbiano cambiato e ampliato il mio interesse per la scienza. “Immaginazione creativa” e “Scienza” non sono cose distinte e senza alcuna relazione, malgrado il fatto che abbiano metodi, risultati e finalità diverse.
Questa concezione trova la sua realizzazione nella figura dell’uomo, nello scienziato. La scienza è frutto della mente dell’uomo e deriva dalla sua immaginazione. L’“uomo” scienziato ha delle intuizioni che hanno la capacità di scomporre la realtà al fine di appropriarsi della conoscenza. Chi si occupa di scienza vuole possedere il segreto della realtà infinita, desidera decodificarla e renderla accessibile e comprensibile attraverso la matematica. L’uomo si è anche creato un approccio scientifico per decodificarla la realtà: il metodo scientifico di Galileo.
La mia intenzione era quella di fare una tesina di maturità nel quale illustro alcuni dei grandi obiettivi che l’uomo ha raggiunto e di come la genialità umana abbia trasformato, con l’immaginazione, semplici intuizioni in scoperte.
Ho scelto una serie di esempi famosi che riescano a dare l’idea di cosa voglia dire utilizzare l’immaginazione come metodo scientifico.
Ho scelto di introdurre la mia tesina di maturità con una citazione dallo Zibaldone di Leopardi perché questo autore è stato in grado di descrivere anzitutto lo slancio dell’uomo verso la conoscenza del mondo, ma anche il desiderio di appropriarsi un pezzo di questa conoscenza infinita. Riporto la filosofia di Popper che alla fine del XX secolo elabora una moderna concezione del metodo della ricerca scientifica. I casi di Newton, Archimede e quello di Fleming dimostrano di come sia la genialità dello scienziato che coglie gli indizi dalla natura ed è in grado di fare scoperte scientifiche.
Oggi però la scienza si stacca sempre di più da indizi visibili, empirici, le nuove teorie sul mondo devono ancora essere provate ma le ipotesi sono sempre più frutto della creatività umana e sempre meno dalla realtà. L’uomo immagina l’universo prima della sua creazione e anche miliardi di miliardi di anni dopo con la teoria dell’espansione dell’universo e le sue conseguenze. Inoltre oggi l’immaginazione creativa è ancora più importante per lo scienziato moderno. In particolare per il modello quantistico e la teoria della relatività di Einstein. Max Plank fonda la fisica quantistica che è possiamo definire la scienza del “non si vede, ma deve proprio essere andata così”, non si basa, quindi, sulla piatta misurazione. Einstein, parlando dell’elaborazione di una teoria scientifica dice:“L’immaginazione è tutto”. L’utilizzo dell’immaginazione è ciò che accomuna lo scienziato all’artista. Anche nella teoria della relatività di Einstein con il suo robusto apparato di formule matematiche, è possibile rintracciare l’immaginazione creativa dello scienziato. Egli ha dovuto smontare ogni certezza dell’uomo riguardo la fisica classica e sopratutto la concezione di spazio e di tempo. Anche solo affermare scientificamente che il tempo è relativo è una grande rivoluzione.
Gerald Holton (professore di fisica e di ricerca nella storia della scienza all’università di Harvard) in “L'intelligenza scientifica” considera che le scoperte scientifiche nascano da tre tipologie di fattori:
- Gli elementi empirici: osservazioni ed esperimenti;
- I contenuti analitici: la formulazione matematica;
- L’immaginazione (visiva, metaforica e tematica)
Io credo invece che non siano le osservazioni e gli esperimenti o la semplice formulazione matematica a creare una legge, infatti intendo sottolineare che solo lo la mente geniale dello scienziato è in grado di trasformare le osservazioni in scoperte: perchè solo Newton, osservando una mela cadere ha dedotto le leggi della meccanica, chiedendosi come mai la Luna non cadesse sulla Terra. Solo una grande immaginazione può permetterci di appropriarci delle leggi che regolano il mondo. Si ricorda a quel punto la famosa frase di Louis Pasteur: "Il caso aiuta, ma soltanto le menti preparate".


Collegamenti
Tesina sulla Scienza

Italiano: Giacomo Leopardi.
Filosofia: Popper.
Scienze: Big Bang, Newton e la legge di gravità universale, Archimede, Fleming.
Fisica: Teoria della relatività.
Latino: Ovidio, le metamorfosi, scena di Dedalo e Icaro.
Registrati via email
In evidenza