Tesina sulla Creatività

Tesina di maturità per liceo artistico sulla creatività. Tesina maturità argomenti: Arthur Schopenhauer, Sigmund Freud, i simbolisti, Giovanni Pascoli, Gabriele D'Annunzio.

Compra
100% soddisfatti
o rimborsati
  • 22
  • 08-07-2013
E io lo dico a Skuola.net
Introduzione Tesina sulla Creatività

“Il principale nemico della creatività è il buonsenso.”
Pablo Picasso

La mia tesina di maturità analizza il tema della creatività. La creatività, essendo un momento che si sviluppa dentro ogni individuo, non può chiaramente essere presentata con una definizione precisa. Un tempo la creatività veniva pensata come un evento straordinario, possibile a pochi, non a caso gli artisti erano quasi degli “eletti”, e solo nell'epoca moderna la creatività è stata riconosciuta come possibile a ogni uomo. Etimologicamente, in latino, i verbi creare e crescere condividono la radice kar che si ritrova anche nel sanscrito karoti, che significa appunto creare, fare, e kartr, che vuol dire creatore. Il dizionario definisce la creatività come la capacità di produrre qualcosa elaborando elementi preesistenti. Da queste due definizioni possiamo dedurre che in primo luogo la creatività è una capacità che ognuno di noi possiede, in misura minore o maggiore, volta a produrre qualcosa. Però più specificatamente la creatività è la capacità di produrre in modo originale: quello che fa la differenza, nel processo di creazione, è la maniera in cui un'idea viene rappresentata, ad esempio la Divina Commedia di Dante Alighieri non sarebbe così tanto famosa e studiata se non fosse particolarmente originale e nuova.
In psicologia la creatività viene definita come un'analisi degli stili cognitivi e capacità di strutturare in modo nuovo le proprie esperienze tramite il pensiero produttivo. Esso si presenta come relazione tra pensiero divergente, che utilizza processi originali traendo soluzioni diverse ed imprevedibili, e pensiero convergente, che invece volge la sua attenzione alla semplice ripetizione di ciò che è stato precedentemente appreso. Ma, se nel pensiero produttivo il soggetto affronta e risolve situazioni problematiche dell'intelletto, ciò non implica che sia semplice originalità: il pensiero produttivo deve quindi contenere qualcosa che il pensiero comune possa comprendere ed apprezzare, altrimenti il risultato sarà un prodotto bizzarro. Ogni essere umano così risulta potenzialmente creativo, e autori come Winnicott sostengono che la creatività sia di tutti, inerente al vivere di ognuno, mentre altri come Arieti si oppongono distinguendo creatività “normale” da creatività “straordinaria”. È più apprezzabile la versione di Winnicott, senza sostenere che un individuo sia più creativo di un altro, dicendo che la creatività è una potenzialità di ognuno ma sottolineando che, in quanto potenziale, va coltivata, esercitata, compresa scoprendo la nostra interiorità. Non è possibile creare se non ci si addentra nei meandri profondi della nostra anima, rendendo concreti e percepibili i sentimenti, le emozioni, i pensieri. La tesina quindi affronta un tema come la creatività attraverso tante sfaccettature.

Collegamenti
Tesina sulla Creatività

Storia dell'arte - La creatività dalla preistoria fino ad arrivare alla metà del Novecento.
Filosofia - Arthur Schopenhauer e Sigmund Freud.
Italiano - Giovanni Pascoli, Gabriele D'Annunzio e i Simbolisti, in particolare Charles Baudelaire.
Registrati via email

Lascia un messaggio ai conduttori Vai alla pagina TV

In evidenza