Tesina sulla Risiera di San Sabba

Tesina di maturità per Istituto Tecnico Statale per Geometri sulla risiera di San Sabba a Trieste. Argomenti tesina: la risiera ieri, il litorale adriatico, Sigmund Freud.

Compra
100% soddisfatti
o rimborsati
  • 7
  • 05-07-2013
E io lo dico a Skuola.net
Introduzione Tesina sulla Risiera di San Sabba

La mia tesina di maturità descrive la storia della Risiera di San Sabba a Trieste. Grazie a una traccia proposta durante l’anno scolastico sull’argomento della Shoah, ho riflettuto molto sulla Giornata della Memoria. Mi sono soffermata soprattutto su come è cambiato questo giorno, e il modo in cui tutto è diventato
superficiale. In questa ricorrenza, infatti, si rammentano le vittime che sono state uccise durante la Seconda Guerra Mondiale e viene ripetuto che bisogna commemorare perchè tutto questo non accada “mai più”. Quindi i media, il 27 Gennaio ci offrono una serie di immagini dei lager, dei forni crematori, dei “pigiami a righe” e di persone allo stremo delle forze.
Però il succedersi di queste giornate inizia a essere una ricorrenza e non l’occasione per riflettere sulle mostruosità che si sono presentate nell’umanità cinquanta anni fa o poco più. Questo perché, secondo la mia opinione, la prima osa che si pensa della Shoah è la distruzione da parte dei nazisti dell’intero popolo ebraico. Si potrebbe dire che ormai tutti noi conosciamo benissimo la storia dei campi di sterminio, del sistema utilizzato da Adolf Hitler e dalla “soluzione finale”. In realtà senza il resto dell’Europa il popolo tedesco non sarebbe riuscito a mettere in atto il suo piano perché fu aiutato da organi di polizia che erano presenti in ogni Nazione, compresa l’Italia. Infatti, non proprio tutti gli italiani venivano arruolati dai tedeschi con la forza, perchè una parte di essi erano consapevoli della scelta che avevano fatto. Si può dire che le suore e i preti aiutarono moltissimi ebrei a nascondersi e a salvarsi.
Ma fa più scalpore il modo in cui l’Italia ha partecipato a queste crudeltà di cui si parla molto poco o non se ne parla del tutto. Quindi è giusto conoscere anche questa parte della storia che sembrava essere stata completamente dimenticata”.
Mi è sembrato opportuno, quindi nella mia tesina, occuparmi di qualcosa che è successo vicino a noi, più precisamente a Trieste alla Risiera di San Sabba. Questa zona ha la particolarità di essere ai margini di un’area popolata che è divenuta poi luogo di pena ed era così ben protetta da occhi indiscreti, così nascosta, così segreta, che pochi vecchi triestini la conoscevano.
Da ciò si è portati a dedurre che i nazisti hanno avuto una vasta area di appoggio e di silenzio complice, sono stati sostenuti da un apparato repressivo fascista e da un’ampia rete di informatori come l’Ispettorato Speciale di Pubblica sicurezza che la memoria popolare ha ricordo come “Ville Tristi”. L'organismo è stato istituito dal regime nel 1942
con il compito di combattere il movimento partigiano ormai affermatosi anche nelle province giuliane. L'ispettorato si distinse per l'uso sistematico della tortura sugli arrestati e la villa di Via Bellosguardo divenne nota per le urla dei
seviziati che si sentivano dall'esterno. Un'altra sede dell'ispettorato fu l'attuale stazione dei carabinieri di Via Cologna a Trieste, che è anche l'unica sede dell'organismo ancora esistente. La cosa che crea turbamento è il fatto che al torturatore più efferato, l'ispettore di polizia Gaetano Collotti, è stato conferito, nel 1954, dalla Repubblica
Italiana, una medaglia di bronzo per il comportamento tenuto durante un'operazione antipartigiana.
Collegamenti
Tesina sulla Risiera di San Sabba

Italiano - Sigmund Freud.
Storia- Il litorale adriatico e la risiera ieri.
Progettazioni - La risiera oggi: la ristrutturazione.
Diritto - Il processo.
Registrati via email
In evidenza