Internazionalizzazione delle aziende tesina

Tesina maturità ragioneria sull'internazionalizzazione delle aziende. Argomenti tesina: la formazione dell'Unione Europea, cenni al periodo coloniale, Marketing and Advertising, l'arte pubblicitaria.

Compra
100% soddisfatti
o rimborsati
  • 2
  • 06-07-2014
E io lo dico a Skuola.net

Sintesi Internazionalizzazione delle aziende tesina


Questa tesina maturità ragioneria descrive il tema dell'internalizzazione delle aziende
È risaputo che, ormai da molto tempo, la prospettiva economica stia liberandosi dei limiti geografici e territoriali che in precedenza restringevano il campo d’azione di attività e aziende. Con questo non si intende che prima tale opportunità fosse esclusa, ma sicuramente scoraggiata da diversi fattori esterni: nelle età più remote la rischiosità del transito di merci in zone pericolose, la difficoltà e soprattutto l’onerosità del viaggio per trasferire beni introvabili nei luoghi di destinazione (si pensi alle spezie, alla seta e ai beni di lusso che fecero la fortuna di Venezia e delle città marinare), il pagamento dei diritti doganali e di transito, i tempi di esecuzione lunghi e l’elevato rischio di insuccesso. Inoltre si consideri che, generalmente, i prodotti ordinari erano nella maggior parte destinati alla zona nella quale avveniva la loro manifattura e ciò determinava un ovvio disinteresse verso la loro esportazione.
Con l’instaurazione dei regimi coloniali, le potenze del vecchio mondo si accaparrarono nuovi mercati da cui attingere risorse, materie prime e manodopera, e contemporaneamente a cui vendere i propri prodotti finiti, indirizzando gli interessi e gli investimenti in tali aree d’espansione. È quindi fondata la conclusione secondo la quale entrambe le parti potessero trarre vantaggio da questo tipo di legame: si pensi all’India, che fu oggetto di una spinta modernizzatrice considerevole da parte del Regno Unito, attraverso la costruzione di infrastrutture e l’organizzazione di un apparato istituzionale avanzato1; è altresì vero che i rapporti coloniali divennero frequentemente subordinati alla “patria acquisita”, come testimoniano gli esempi delle cosiddette “economie di rapina” o delle piantagioni dell’America Latina, nelle quali furono costrette a lavorare in condizioni di schiavitù complessivamente circa 11 milioni di individui2. Questi rimasero comunque passi importanti verso l’internazionalizzazione delle capacità produttive e dei mercati, che coinvolsero un lasso di tempo molto ampio, fino alla metà XX secolo circa.
In tempi più recenti, le devastazioni e i dissesti provocati dal susseguirsi delle due guerre mondiali hanno chiarito che l’alleanza e la collaborazione danno la possibilità di maturare le condizioni migliori per ottenere una prosperità duratura: la vocazione internazionale degli scambi si è accentuata con il nascere di grandiosi progetti a livello mondiale (come il W.T.O., l’Organizzazione Mondiale del Commercio) ed europeo, istituzioni con compiti di regolamentazione, monitoraggio e controllo delle economie partecipanti, che tuttora garantiscono un regolare svolgimento delle pratiche commerciali e dei rapporti tra stati membri: in particolare l’Unione Europea.


Collegamenti
Internazionalizzazione delle aziende tesina

Storia - Formazione dell'Unione Europea, cenni al periodo coloniale.
Tedesco - Economia Tedesca (Die deutsche Wirtschaft).
Geografia Economica - La popolazione europea, risvolti della demografia in ambito economico.
Inglese Commerciale - Marketing and Advertising.
Storia dell'Arte - L'arte pubblicitaria e il suo sviluppo nel Novecento.
Registrati via email