Coca Cola, il 900 in bottiglia tesina

Tesina maturità liceo artistico. Tesina maturità argomenti: la storia della Coca Cola, la Seconda Guerra mondiale, Allegria di Ungaretti, Natale Rosso Coke.

Compra
100% soddisfatti
o rimborsati
  • 58
  • 26-06-2014
E io lo dico a Skuola.net

Introduzione Coca Cola, il 900 in bottiglia tesina


La mia tesina di maturità tratta della Coca Cola e della sua storia. Ho trovato molto interessante come una semplice bibita, nata alla fine del 1800, sia diventata un marchio mondiale, che non solo ha fatto storia, ma è anche diventata parte della nostra stessa cultura; la Coca Cola.
John Pemberton, un farmacista della Georgia, inventa la bibita durante l’industrializzazione americana. Composta da coca, vino e noce di cola viene venduta come medicina. Negli anni seguenti il farmacista sostituisce il vino con l’acqua, aggiunge l’anidride carbonica e lo zucchero.
Il grafico Frank Robinson crea la scritta in corsivo e il nome Coca Cola. Con Asa Candler, che compra l’azienda da Pemberton, la Coca Cola viene venduta come bibita rinfrescante.Toglie la coca dalla ricetta e inizia a imbottigliarla e a venderla al dettaglio. Con Asa la Coca è un azienda.
La tesina mostra come la storia della compagnia è fortemente intrecciata con i numerosi eventi sociali, sportivi e politici di ogni periodo. Ad esempio allo scoppio della Seconda Guerra mondiale, la Coca Cola si espande in Europa sia grazie ad accordi con l’ esercito americano sia per merito di un efficente pubblicizzazione del prodotto. Anche in presenza di regimi totalitari quali il fascismo in Italia, il nazzismo in Germania e il comunismo in Russia e lo scoppio di un conflitto tra paesi liberali e totalitari, le vendite della Coca Cola continuano a crescere.
Ungaretti, poeta italiano del 900, descrive la sua esperienza in trincea durante la prima Guerra Mondiale. nell’ “Allegria”, una delle sue più importanti raccolte di poesie, il poeta contrappone il massacro e la tragedia della guerra che sradica il soldato dalle sue origini e lo porta all’anonimato, all’allegria che invece per il poeta é l’attaccamento sempre più forte alla vita e l’unica via di salvezza.
Mi ha fatto riflettere come il tema dell’allegria possa essere visto da angolazioni completamente diverse e acquisti significati differenti. In Ungaretti l’allegria è un esperienza personale, mentre nella storia pubblicitaria della Coca Cola questa è usata nelle sue forme più superficiali e stereotipate, come ad esempio bere la Coca Cola con la famiglia, con gli amici, oppure l’allegria nel vedere un soldato che torna dalla guerra, riabbraccia suo figlio e finalmente può godersi una Coca Cola .
I presidenti della Coca Cola Company sono stati lungimiranti nel pubblicizzare il marchio con gli stessi messaggi adattandoli alle varie epoche. Questo e la continua modernizzazione degli impianti di imbottigliamento e distribuzione, sono stati la carta vincente per il successo Coke.
la Coca Cola conquista il ‘900
All’inizio la Coca Cola viene distribuita in bicchieri, in chioschi che la miscelano all’acqua soda tramite dispenser. Con l’invenzione dei tappi viene creata la bottiglia e inizia la distribuzione in tutti i luoghi. In seguito la bottiglia della Coca Cola diventa un oggetto di design creato apposta dall’azienda come segno distintivo.
La Coca Cola inizia ad influenzare, così, la nostra cultura. Un esempio è il Babbo Natale in rosso creato dall’ illustratore Haddon Sundblom nel 1931, tutt’oggi simbolo del Natale. Negli anni Coca Cola diventa simbolo della società e della cultura americana nonchè soggetto di movimenti culturali e artistici come la Pop Art in America negli anni ‘60.
La Pop Art è un movimento artistico nato negli anni ‘50 e sviluppatosi in America 10 anni dopo. Prende immagini dalla cultura popolare dell ‘epoca estraniandole dal loro contesto. Ne sono un esempio le “Green Coca Cola Bottles” di Andy Warhol. L’artista prende la classica bottiglia della Coca Cola e la replica in modo quasi ossessivo, ripetendola un numero infinito di volte, utilizzando lo stesso linguaggio della propaganda pubblicitaria, trasformandola in qualcosa privo di espressività e di significato. In una società sempre più consumistica e opulenta anche l’arte è cambiata diventando più commerciale e più fruibile dal pubblico.
Questa trasformazione dell’ arte è stata analizzata da pensatori e filosofi come Walter Benjamin che nel suo libro “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducubilità tecnica”, vede questa trasformazione come perdita di aura, ovvero di unicità e autenticità dell’opera d’arte. Mentre nelle epoche precedenti l’opera d’ arte era unica e irripetibile, nel ‘900, con la nascita della fotografia e delle moderne tecniche di stampa, l’opera diventa riproducibile e accessibile alle masse e non più unica.
Credo che Andy Warhol abbia espresso chiaramente il perchè la Coca Cola sia conosciuta e venduta in tutto il mondo e sia partte integrante della nostra cultura:
La cosa formidabile di questo Paese è che l’ America ha dato inizio alla tradizione per cui i consumatori più ricchi comprano essenzialmente le stesse cose dei più poveri. Stai magari guardando la TV e vedi apparire la Coca Cola, e sai che il Presidente beve la Coca, Liz Taylor beve la Coca, e subito pensi che anche tu puoi bere la Coca. Una Coca è una Coca, e nessuna somma di denaro può farti avere una Coca migliore di quella che il barbone lì all’ angolo sta bevendo. Tutte le Coca sono uguali e tutte sono buone. Liz Taylor lo sa, il Presidente lo sa, il barbone lo sa, e tu lo sai.
Andy Warhol
The Philosophy of Andy Warhol

Collegamenti

Coca Cola, il 900 in bottiglia tesina


Grafica - Storia della Coca Cola .
Storia - Seconda Guerra Mondiale.
Italiano - “Allegria” di Ungaretti.
Allegria firmata Coke.
Grafica - Evoluzione dei contenitori Coca Cola.
Natale rosso Coke.
Arte - Pop Art movement e “Green Coca Cola Bottles” di Andy Warhol.
Filosofia - Benjamin: “L’ opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica”.
La bibita per tutti.
Registrati via email
In evidenza