Ominide 1320 punti
Capitolo Terzo - Promessi Sposi

A Renzo e ad Agnese che l'attendevano ansiosi, Lucia "con voce rotta dal pianto" racconta che pochi giorni prima, tornando con le compagne di filanda, aveva incontrato don Rodrigo in compagnia di un signore che voleva trattenerla "con chiacchiere non punto belle". Essa aveva affrettato il passo mentre udiva don Rodrigo dire "scommettiamo"; il giorno dopo aveva trovato di nuovo don Rodrigo sulla sua strada e lo aveva udito ridere con l'altro signore, mentre diceva: "vedremo, vedremo".
Lucia aveva raccontato tutto al suo confessore, padre Cristoforo, il quale l'aveva consigliata di non farsi vedere in giro e di affrettare le nozze. Renzo dà in escandescenze ed enuncia sanguinosi propositi di vendetta che spaventano le due donne. Lucia propone di andar lontano, ma il giovane ribatte che non sono ancora marito e moglie. Agnese allora consiglia il giovane di recarsi a Lecco, dal dottor Azzecca-garbugli, un avvocato che, a suo dire, troverà "su due piedi" di quelle cose che a loro "non verrebbero in testa, a pensarci un anno". Renzo si avvia con quattro capponi, destinati ad essere sballottati in malo modo per tutto il viaggio dell'infuriato giovane. Il dottore, avvezzo solo a scampar dagli imbrogli i malfattori, ascoltando il caso, suppone che Renzo sia un bravo al servizio di qualche signorotto e promette il suo aiuto. Quando, però, Renzo, per evitar l'equivoco, narra con chiarezza la sua storia e fa il nome di don Rodrigo, viene subito messo alla porta insieme con i quattro capponi da quel "galantuomo" disposto a servire la legge soltanto quando tratta di non mettersi contro i potenti. Intanto in casa di Lucia, mentre si pensa ad avvertire della cosa il padre Cristoforo, arriva fra Galdino, il questuante dei cappuccini, per la cerca delle noci. Mentre Lucia va a prendere le noci, egli racconta ad Agnese un miracolo, avvenuto molti anni prima. Lucia dà una generosa offerta di noci a fra Galdino, pregandola di avvertire padre Cristoforo di "venire subito". Intanto torna da Lecco Renzo, "dispettoso insieme e mortificato" e le donne cercano di calmarlo dicendogli di sperare nell'aiuto di fra Cristoforo. Quel giorno era ormai trascorso e Renzo, data la buona notte dovette andarsene.
Hai bisogno di aiuto in Riassunti Promessi Sposi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email