Video appunto: Capitolo 2 Promessi Sposi - Sintesi

Promessi Sposi – Capitolo 2



Durante una notte agitata, don Abbondio prese in considerazione varie soluzioni per non celebrare il matrimonio che successiva,ente scartò, finché prevalse quello di guadagnare tempo.
Il giorno dopo Renzo si presentò dal curato, molto elegante, per prendere gli ultimi accordi sul matrimonio che si sarebbe dovuto celebrare quel giorno.

Però l’accoglimento di don Abbondio era incerto e misterioso; infatti il curato finse dapprima di avere dimenticato che quello era il giorno stabilito per le nozze, poi allude ad imbrogli ed impedimenti.
Renzo si infuriò molto, ma alla fine di malavoglia promise al curato di avere pazienza soltanto per una settimana, e se ne andò.

Renzo era insospettito dal comportamento di don Abbondio, e non lo convinceva per niente il suo sguardo sfuggente.
Uscendo si imbatté in Perpetua, la quale gli fece capire che al mondo c’erano delle persone molto prepotenti; il giovane, infuriato, andò nuovamente dal curato e con le minacce lo costrinse ad ammettere che don Rodrigo voleva impedire le nozze, così desideroso di chiedere delle spiegazioni a Lucia si incamminò verso la casa della promessa sposa.
Intanto don Abbondio, dopo molte accuse e sentendosi con la febbre addosso, intimò a Perpetua di sbarrare la casa e di non aprire a nessuno.