Ominide 978 punti

Formazione di Renzo e Lucia


I due innamorati, strappati alla loro vita tranquilla, vengono improvvisamente immersi dagli eventi che si susseguono repentini nel flusso turbolento della storia, in una sua esplorazione nel negativo, facendo esperienza del male: Renzo sperimenta il male sociale e politico, Lucia quello morale. E entrambi, in questo modo, maturano.
Renzo: Egli ha le virtù del contadino (giustizia, tenacia, forza), unite a una componente ribelle, troppo insofferente ai soprusi e convinta (stupidamente) di potersi far giustizia da sé. Lascerà poi ogni velleità d'azione per rassegnarsi alla volontà divina. La sua formazione avviene attraverso la sommossa di Milano e la peste, in cui vi sono per lui alcuni momenti fondamentali, come la notte presso l'Adda, ove ragiona sugli errori che ha commesso e il perdono a Don Rodrigo morente nel lazzaretto.

Lucia: Ella ha uno spontaneo rifiuto per la violenza e un totale abbandono alla volontà di Dio. Anche se può sembrarlo, Lucia non è un personaggio statico: prigioniera di una visione ingenuamente idilliaca, ella è convinta che la provvidenza preservi i giusti da ogni tipo di male e di sventura. Imparerà sulla sua pelle che ciò non è vero e arriverà ad avere una consapevolezza del male necessaria a capire la vera natura della realtà umana.

Hai bisogno di aiuto in Riassunto Promessi Sposi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email