Ominide 65 punti

Inni sacri - Manzoni

Gli Inni Sacri di Manzoni furono scritti tra il 1812 e il 1815.
Essi fornirono un esempio concreto di poesia nuova.
Manzoni infatti si distacca dal modello poetico dominante, ossia quello consacrato da Monti e Foscolo, fondato sul culto del mondo artistico, sull'adozione di temi mitologici, in quanto considera tutto questo come un qualcosa di falso per cui decide di virare su temi che siano vivi nella coscienza contemporanea, temi aderenti al "vero".
Ne deriva pertanto una poesia nuova, che vuole avere orizzonti popolari, per questo ricorre a versi agili, versi dal ritmo incalzanti, e anche lo stesso linguaggio si libera dalle forme auliche tipiche dello stile classicista.
Manzoni aveva inizialmente progettato ben dodici inni che cantassero le principali feste, ma ne realizza solo cinque.
Il modello per gli inni è offerto al poeta dall'antica innografia cristiana.
Sebbene i primi quattro inni siano costruiti su uno schema fisso, ossia enunciazione del tema, rievocazione dell'episodio centrale, e commento, l'ultimo inno invece, ossia la Pentecoste, rompe totalmente lo schema dei precedenti mettendo da parte sia l'enunciazione che la rievocazione, insistendo sulla discesa dello Spirito Santo ed introducendo un'invocazione affinché esso discenda ancora una volta sull'umanità.
Hai bisogno di aiuto in Vita ed opere di Alessandro Manzoni?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email