Ominide 2892 punti

Inni Sacri di Manzoni


Manzoni apre un progetto che non porterà a termine, cioè il progetto di scrivere 12 inni sacri ognuno dei quali avrebbe dovuto celebrare una festività dell'anno liturgico. Ne scrive solo 5. L'inno più riuscito è la Pentecoste. L'intero che si prefigge è duplice: uno è quello morale, l'altro letterario. Morale perché vuole dimostrare che il messaggio cristiano è l'unica risposta alle contraddizioni alla vita dell'uomo. L'intento letterario vuole sostituire alle favole mitologiche dei miti cristiani. Vuole usare una materia che potrebbe coinvolgere un pubblico popolare vasto. Quindi rifiuta e condanna la mitologia, che ormai non suscita più interesse.
Il lessico è di facile presa sul lettore. Per rendere più accattivante la lettura di questi inni abbandona l'endecasillabo e usa il settenario. Per quanto riguarda la struttura degli inni i primi 4 scritti tra il 12 e il 15 presentano lo stesso schema fisso. Nella prima parte viene enunciato il tema dell'inno. Una seconda parte in cui viene descritto l'episodio dell'inno. La terza parte è una riflessione morale sulle conseguenze attuali dell'evento religioso che si rinnova continuamente nella commemorazione liturgica. Manzoni riflette sul quali siano le conseguenze di quell'evento religioso, ma storico. Questa è la struttura che si ripete in tutti e quattro gli inni. Un altro elemento comune a tutti gli inni è la coralità, non è la voce del poeta che parla, ma a nome dell'intera umanità. Non usa mai l'io ma il noi. Per quanto riguarda l'esito poetico i primi 4 anni hanno esiti discontinui, sono belli dal punto di vista della poesia a tratti c'è una mancanza di omogeneità. Spesso viene a mancare la fusione tra le varie parti dell'inno. C'è questa frattura. Sono troppo presenti i riferimenti ai testi sacri, alcuni parti sembrano delle traduzioni dei stessi sacri inseriti nell'inno, anche il linguaggio non è omogeneo, si passa da espressioni discorsive ad espressioni che si avvicinano al tono oratorio. Ci sono degli arcaismi, ci sono delle espressioni auliche, anche a livello linguistico.
Il migliore è la Pentecoste. Siamo nel periodo in cui ha già scritto delle tragedie, siamo durante il periodo della stesura del romanzo.
Hai bisogno di aiuto in Vita ed opere di Alessandro Manzoni?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email