pexolo di pexolo
Ominide 6521 punti

lo specchio curvo di Cechov

Lo specchio curvo (Racconto di Natale) è una breve narrazione umoristica di Anton Cechov il cui fulcro ruota attorno a uno specchio dai poteri magici. Esso appartiene alla bisavola del protagonista e narratore della storia, la quale subì gli effetti malefici di questo specchio restando per tutto il corso della sua vita legata ad esso ed esprimendo persino la volontà di tenerlo con sé, nel proprio feretro, dopo essere morta. Il narratore, che lo rivede in un angolo di un buio e impolverato salotto in cui non entrava più nessuno da molto tempo, lo mostra alla moglie e, vedendo la propria immagine fortemente distorta in esso, ironizza su questo oggetto e sulla bisavola, non capacitandosi del suo forte attaccamento allo specchio. Tuttavia, la moglie rimane come folgorata dalla visione dello stesso, perde i sensi e al suo risveglio il marito scopre che ha riscontrato gli stessi effetti malefici della bisavola. Infatti, ella vede se stessa molto più bella e attraente nello specchio, tanto da rimpiangere la scelta di essersi sposata con quel marito perché avrebbe potuto aspirare a uomini molto più belli di lui. Dopo aver accertato, grazie all'aiuto di medici, che essa non guarirà più, anziché farla rinchiudere in una casa di cura mentale il marito sceglie sorprendentemente di trascorrere il resto della vita accanto a sua moglie e allo specchio, lo stesso in cui si vedeva distorto, perché, a mio avviso, il legame che lo unisce alla moglie è qualcosa che una magia di questo tipo non è riuscita a rompere.

Hai bisogno di aiuto in Recensioni libri?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email