Tutor 46940 punti
Recensioni di libri
Recensioni di libri scritti da voi

Il rogo di Berlino di Helga Schneider


• Il libro Il rogo di Berlino è un libro scritto da Helga Schneider e che è stato pubblicato nell’anno 1998. Il romanzo è ambientato nell’anno 1971 e racconta le vicende di una donna e di suo figlio dell’età di cinque anni.

Trama de Il rogo di Berlino


• La storia raccontata nel Il rogo di Berlino è quella di una donna, Helga, e del figlio di cinque anni che salgono di corsa le scale di un vecchio palazzo, dove vive la madre della donna e dunque la nonna del piccolo bimbo. Helga non vede sua madre da ben trent’anni e l’emozione è tanta dunque; sua madre è cortese, ma non mostra grandi segni di commozione nel momento in cui rivede la figlia e il piccolo nipote. La sua vita è stata difficile: è stata arrestata presso il campo di concentramento di Birkenau, dove svolgeva la mansione di guardiana del campo e in seguito al processo di Norimberga ha dovuto scontare ben sei anni di carcere. Fa anche vedere con orgoglio la vecchia uniforme da lavoro che indossava nel campo di concentramento per svolgere il suo lavoro, invitando anche la figlia a indossarla, ma questa si rifiuta scuotendo il capo.

Figlia e nipote lasciano dunque l’abitazione dell’anziana donna, rimanendo delusi per ciò che questa è diventata. La figlia non ha riconosciuto per nulla nell’anziana signora vista sua madre e non riesce nemmeno a perdonarla per i fatti accaduti tanti anni prima, pertanto decidono di ripartire, prendendo il treno di ritorno.



Il racconto di Helga


• Helga racconta al suo bambino come sua madre fosse una donna completamente devota al regime nazista e come non si perdesse alcun comizio di Hitler. Siamo nell’anno 1941 e la donna decide di abbandonare la sua famiglia, decidendo di arruolarsi nelle SS. I suoi due figli, Helga e Peter, vengono portati dalla zia paterna, che avverte suo fratello del fatto che sua moglie abbia abbandonato il tetto coniugale arruolandosi con le SS e abbandonando i suoi due figli nelle sue mani. A questo punto il padre dei due ragazzi, arruolato al fronte, torna a casa per riprendere i suoi figli. L’anno successivo si innamora di Ursula e la sposa. La vita per la piccola Helga inizia a diventare difficilissima, in quanto la matrigna si affeziona solo al piccolo Peter considerandolo come suo figlio, mentre la bambina viene trattata male da questa.

Affidata completamente a Ursula, poiché il padre deve tornare a combattere al fronte, per la piccola Helga la vita diventa un inferno, venendo costretta anche ad essere rinchiusa in un ospedale psichiatrico per bimbi. Anche la guerra sta prendendo una brutta piega per la Germania nel frattempo.

Ambientazione della storia


• Nel romanzo viene anche descritta una Berlino spettrale completamente colpita dai raid nemici, senza acqua potabile, corrente elettrica e cibo. Le strade della città sono ridotte a un vero e proprio campo di battaglia, con macerie e cadaveri sparpagliati ovunque.
La società tedesca è completamente sgretolata e il regime nazista si sta avviando verso la sua fase discendente ed il nemico è alle porte. Tutti sanno che si assistendo allo sgretolamento del regime nazista, c’è ancora chi idolatra Hitler e chi ancora lo condanna per i crimini commessi sotto il suo regime totalitarista. Lo sfacelo suddetto viene raccontato da Helga che non ha avuto nemmeno lei una vita semplice sin dall’infanzia.
Hai bisogno di aiuto in Recensioni libri?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email