Titolo: Destinatario sconosciuto.
Autore: L’autore del libro “il destinatario sconosciuto” è Kathrine Kressmann Taylor, una giornalista e scrittrice americana di origine tedesca vissuta tra il 1903 e il 1997. Pubblicò il libro nel 1939 vendendo decine di migliaia di copie negli Stati Uniti e fu diffuso anche all’estero senza però avere successo a causa dell’oppressione nazista. Fu poi riscoperto nel 1995 con una nuova edizione americana e nel 2000 divenne un best seller internazionale con Rizzoli.
Casa editrice: Rizzoli.
Genere del libro: Il destinatario sconosciuto è un romanzo epistolare perché è costituito da uno scambio di varie lettere tra due personaggi combinate in modo che il lettore possa avere due punti di vista diversi sullo stesso evento raccontato.
Personaggi principali: I personaggi principali di questo libro sono due, rispettivamente il mittente e il destinatario delle lettere che si scrivono.
Max Eisenstein: E’ una persona colta e un uomo d’affari che possiede, assieme al suo migliore amico Martin, una galleria d’arte. E’ di origini tedesche ma decide di rimanere negli Stati Uniti per proseguire i suoi affari. A causa della sua fede nella religione ebraica si scontra aspramente con l’amico Martin affascinato dall’ideologia nazista. A differenza del signor Schulse, Max è una persona più riflessiva e meno concreta.

Herrn Martin Schulse: Uomo d’affari socio di Max, decide di lasciare gli Stati Uniti per tornare in Germania, la sua madrepatria, per educare i suoi figli. E’ sposato con Elsa, ha cinque figli ed è abbastanza ricco da permettersi una casa di trenta stanze con dieci acri di giardino nei pressi di Monaco di Baviera. Diventa un fidato sostenitore dell’ideologia nazista e della razza ariana, cosa che lo porterà a spezzare il legame di amicizia con Max. Rispetto al suo socio in affari, Martin è un personaggio più attivo e concreto che si lascia trascinare dalle correnti ideologiche del momento.
Elsa,Griselle e Heinrich: Sono i familiari dei due personaggi principali e fanno da contorno alle lettere che si scrivono arricchendone il contenuto. Elsa è la moglie di Martin, Griselle è la sorella di Max e Heinrich è uno dei figli della famiglia Schulse.
Ambiente: Il romanzo è ambientato in Germania, a Monaco, dove vive Martin, e negli Stati Uniti, a San Francisco, dove c’è la galleria d’arte dei due personaggi e dove vive Max. Gli ambienti in cui vivono i personaggi si deducono dagli indirizzi delle lettere e sono molto importanti per il rapporto che si crea tra max e martin poiché in Germania predomina l’ideologia nazista e negli Stati Uniti prevale un’ideologia molto più liberale.
Tempo della narrazione: Il periodo storico in cui si svolge la narrazione è compreso tra il 12 novembre 1932, quando viene spedita la prima lettera, e il 3 marzo 1934. Durante questi anni la Germania subisce una profonda trasformazione con l’elezione del partito nazionalsocialista al governo di Berlino. Grazie ad Adolf Hitler la Germania risana la condizione di povertà che si era creata a causa della sconfitta della prima guerra mondiale ma già si denotano le idee e i progetti negativi che il nazismo vuole trasmettere per purificare la razza ariana. La raccolta di lettere è disposta secondo un ordine cronologico, sono assenti analessi e prolessi e l’ordine degli avvenimenti del periodo storico che i due personaggi vivono coincide con l’ordine che l’autore ha deciso di disporre i fatti.
Breve trama: Martin Schulse e Max Eisenstein sono due amici fraterni e soci in affari e si scrivono lettere per condividere ricordi e sogni, progetti e speranze. Martin ha lasciato l'America da poco ed e' tornato in Germania; Max, dall'America, continua ad amare la Germania, la ricorda con nostalgia, rimpiange la grande libertà intellettuale, le discussioni, la musica, lo spensierato cameratismo. Lontani, i due amici sentono uno la mancanza dell'altro e per questo si scrivono. Sono uno parte integrante della vita e della famiglia dell'altro; inoltre a San Francisco hanno una galleria d'arte in comune e Max tutela gli interessi del suo socio e gli invia dei resoconti. Martin e' tornato in una Germania poverissima, distrutta dalla Prima Guerra Mondiale, che cerca disperatamente di riprendersi. La sua vita in Germania è più agiata di quanto già non la fosse in America; ha acquistato una casa con trenta stanze, e quasi dieci acri di parco, i tedeschi lo considerano un miliardario americano ed è diventato un’autorità locale di Monaco. Max intanto continua a lavorare e gli affari proseguono positivamente. Nel frattempo i tedeschi hanno eletto come capo del governo Adolf Hitler e Martin esprime i suoi dubbi sul nuovo partito nazionalsocialista in una lettera all’amico, e definisce Hitler come una scossa elettrica di cui la Germania ha bisogno per rinascere. Max intanto scopre le brutalità commesse dai nazisti contro gli ebrei e chiede spiegazioni all’amico; inoltre gli raccomanda la sorella Griselle, dato che terrà uno spettacolo in Germania. Martin scrive all'amico che devono porre fine alla loro corrispondenza, poiché Max è ebreo e Martin si è appena iscritto al partito nazionalsocialista. Egli crede che gli avvenimenti cha stanno accadendo nella sua Germania siano indispensabili. La razza ebraica, secondo Martin, e' un problema scottante per ogni nazione che la ospiti e l'ebreo e' il capro espiatorio universale. Max crede inizialmente che l'amico scriva così perché non può fare diversamente date le censure poste dai nazisti e crede che sia costretto a mandargli quelle lettere, ma ben presto capirà che non è così. Infatti Martin implora a Max di interrompere il loro legame di amicizia per le loro idee contrastanti. Inoltre lo informa della morte di sua sorella. Dopo questa lettera Max si sente obbligato a scrivere e invia un cablogramma a Martin e successivamente altre lettere. Ma i nazisti scoprono la corrispondenza tra i due, Martin viene arrestato e poi ucciso dato che l’ultima lettera che Max scrive gli torna indietro con su scritto “destinatario sconosciuto”.
Tematiche: Il romanzo si può dividere in due parti: nella prima parte pervade il sentimento dell’unione, dell’amicizia; infatti in questa fase i due continuano a scriversi piacevolmente anche se vivono in due zone molto lontane. La seconda parte è caratterizzata da odio e discordanza tra i due. Tutto ciò è provocato dalla nuova corrente ideologica nazista che impone l’oppressione contro gli ebrei. Martin vede il nazismo come una soluzione a tutti i problemi della Germania, ma Max, dato che è ebreo, non accetta ciò che sta succedendo e i due decidono di spezzare il loro legame di amicizia fraterna per sempre.
Commento: Personalmente trovo questo libro molto toccante e di grande impatto comunicativo. Apprezzo molto il modo in cui l’autore ha redatto le lettere, senza aggiungere particolari e rendendole molto piacevoli alla lettura. Questo romanzo in poche pagine descrive uno dei valori più importanti della vita, ovvero l’amicizia, e come viene messo alla prova da forze esterne come in questo caso il nazismo. Purtroppo l’amicizia fraterna di Max e Martin non ha saputo resistere contro il nazismo e questo dimostra come l’amicizia tra due persone sia uno dei valori più importanti della vita ma anche uno dei più fragili.
Tecniche narrative e stile: Il romanzo è composto da 19 lettere. Lo stile delle lettere non è elevato, ma colloquiale e scorrevole. Non c’è un narratore né parti introduttive; la narrazione è effettuata dal mittente che invia la lettera e dal destinatario che risponde. L’autore è neutrale, non esprime la sua opinione, ma si è limitato a redigere le lettere.

Hai bisogno di aiuto in Recensioni libri?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email