Contesto storico


Cicerone vive nell'età di Cesare, periodo dilaniato dalle lotte tra patrizi e plebei, Optimates(conservatori) e Populares(riformatori). Inoltre vive il periodo delle guerre civili e del triumvirato di Cesare(populares), Pompeo(aristocrazia senatoria, difende la res publica) e Crasso(populares)
    88-79 a.C. : guerra tra Mario e Silla, dal quale uscirà vincitore Silla che diventerà dittatore.
60 a.C. : primo triumvirato
    59 a.C. : Cesare diventa console
49 a.C. : Battaglia di Farsalo(Tessaglia), termina la battaglia tra Cesare e Pompeo, il quale viene sconfitto e si rifugia in Egitto dove sarà ucciso dai Tolomei.
    44 a.C. : Cesare viene ucciso

    Biografia


    Cicerone nasce nel 106 a.C. ad Arpino da un'agiata famiglia del ceto equestre e viene considerato un homo novusche si forma da sé. Ricopre molti incarichi come pretore, oratore, avvocato e filosofo. Nel 63 a.C. Lucio Sergio Catilina organizza una congiura verso Roma con l'intento di fare uccidere Cicerone, il quale si era candidato come console per il 62 a.C. . Cicerone ottiene l'incarico ma nel 53 a.C. viene esiliato perché condanna Catilina e i suoi seguaci senza concedere loro la provocatio ad populum, l'appello al popolo. Nella guerra tra Cesare e Pompeo si schiera con Pompeo, alla morte del quale viene perdonato da Cesare. Quando quest'ultimo viene assassinato, Cicerone rientra in politica con il tentativo di ripristinare la res publica. L'autore in questione compone una serie di orazioni contro Antonio che prendono il nome di Filippiche in quanto richiamano le omonime pronunciate da Demostene contro Filippo II di Macedonia. Per questo motivo nel 43 a.C. viene ucciso e la sua testa e le sue mani vengono appese sui rostri che si trovavano sopra la tribuna da cui i senatori tenevano le loro orazioni.
Hai bisogno di aiuto in La fine della Repubblica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email