cefine di cefine
Ominide 1033 punti

Trimalchione, presentazione


Il Trimalchione di cui parla Petronio nel Satyricon è uno schiavo di origine asiatica portato a Roma. Egli impara a essere accondiscendente e a soddisfare sessualmente la propria padrona. Non appena muore il padrone, Trimalchione inizia a speculare e quindi di conseguenza ad arricchirsi.
Infatti nella sua mentalità e nella mentalità che Petronio evidentemente vuole criticare, vale l'equazione ricchezza uguale garanzia di vittoria e il motto corrispondente: “sei ciò/quanto che quadagni” .
E’ chiaro dalla polemica che Petronio vuole far notare che Roma sta attraversando un periodo di forte corruzione dei costumi e il trionfo grazie al denaro si configura quindi come il declino della morale. Ciò è esemplificato dal fatto che Trimalchione ha la possibilità di comprarsi tutto ma non può comprare la cultura. Infatti quasi grottescamente fa sfoggio di una cultura raffazzonata e, pertanto, imprecisa. Come si nota nella celebre scena della “cena di Trimalchione”, il romanzo è quindi un continuo sfoggio del denaro in contrapposizione al livello culturale di Trimalchione. Anche la moglie dell’ ex-schiavo è tutta agghindata, in modo da far vedere che tutti i possedimenti di Trimalchione vengono investiti dal lusso che lui possiede.
Trimalchione infatti ambisce a cancellare la propria origine sociale e lo fa ostentando e sfoggiando tutta la sua ricchezza. Infine concludo dicendo che a livello etimologico Trimalchione significa il tre volte potente significato che viene inteso anche a livello sessuale.
Hai bisogno di aiuto in L'età imperiale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email