Bargat di Bargat
Ominide 76 punti

Età Argentea

Augusto aveva elaborato una politica che esigeva la letteratura. Sotto di lui si era venuto a creare il Mecenatismo. Ci fu il ripristino del "mos maiorum", rispetto della famiglia e della tradizione classica. I letterati scrivevano ciò che il regime imponeva. Nel 14 a.C. muore Augusto e inizia la dinastia Giulio - Claudia che ebbe come protagonisti Tiberio, Caligola, Claudio e Nerone, successori di Augusto. Tiberio regnò dal 14 a.C. al 37 d.C. , Caligola dal 37 d.C. al 41 d.C. , Claudio dal 41 d.C. al 54 d.C. e Nerone dal 54 d.C. al 68 d.C. La politica accentrata del potere generava l'avversione dei senatori. Iniziarono a nascere degli screzi. Tiberio si ritirò a Capri e affidò tutto il suo potere a Seiano, il quale divenne suo portavoce. Caligola, il quale aveva iniziato a dare segni di squilibrio e ad avere relazioni incestuose, ebbe una morte cruenta. Claudio, zio di Caligola, era stato autore di una Storia romana e introdusse 3 nuovi caratteri nell'alfabeto romano; era un uomo acculturato, tuttavia non ebbe molto successo. Questi sposò Agrippina, la quale pensava di poter regnare tramite Nerone, figlio del suo primo matrimonio; per ottenere ciò fa uccidere il figlio naturale di Claudio e Claudio stesso. Riesce a raggiungere il suo scopo ed ha al suo fianco l'appoggio di Seneca e Afranio Burro. Nerone stesso però prese le redini dell'impero e negò ogni libertà al senato. Fu così che nel 68 d.C. ci fu la congiura dei Pisoni, alla quale presero parte diversi senatori: Seneca, Lucano e Petronio. Nel 68 d.C. il senato nomina Galba come novello imperatore. Scoppiò una guerra civile e Nerone venne ucciso. Fu così che si concluse la dinastia Giulio - Claudia.

Hai bisogno di aiuto in L'età imperiale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email