Ominide 2630 punti

Le Bucoliche segnano l’esordio poetico di Virgilio. Si tratta di dieci componimenti in esametri di argomento pastorale scritti tra 42 e 39 aC. Il termine bucolica deriva dalla parola greca boukolos (bovaro), in cui Virgilio tenta di trasferire in ambito romano alcune caratteristiche della poesia bucolica ellenistica di Teocrito (III sec aC). Le Bucoliche virgiliane sono dette anche Eclogae (ecloga significa Poesia scelta, con riferimento alla caratteristica brevità di questi componimenti). Teocrito fu, appunto, uno dei maggiori poeti dell’età ellenistica e la sua fama è legata soprattutto agli Idilli (dal termine greco eidyllion, piccola immagine,visione), componimenti piuttosto brevi e e descrittivi d’ambientazione agreste e pastorale, abitata esclusivamente da pastori e contadini. La poesia pastorale di Teocrito, però, non ebbe grande successo tra i suoi contemporanei, forse perche essi era piu orientati al fascino della vita e dell’ambiente urbano. Nelle Bucoliche, l’aemulatio di Viriglio nei confronti di Teocrito del suo genere letterario consiste non esclusivamente nell’ispirazione generale ma anche nelle situazioni e nei nomi greci di alcuni personaggi.

Uno degli elementi che differenziano l’opera di Virgilio dal suo modello è la resa del mondo campestre: in Teocrito la campagna aveva colori forti e nitidi, mentre Virgilio riesce ad unire una campagna dai colori tenui e sfumati ad un paesaggio che ricorda la campagna mantovana e quella della regione dell’Arcadia (considerata in futuro come la sede naturale della poesia pastorale).
Quindi la campagna di Virgilio è un luogo ideale, un paesaggio spirituale, un vero e proprio locus amoenus riconducibile al piacere terreno predicato dagli epicurei.
Autobiografismo Nelle Bucoliche non vi è assolutamente, da parte di Virgilio, un distacco completo dalle vicende dei suoi pastori, alle quali egli sembra partecipare con profonda umanità. Il dramma individuale dell’esproprio delle terre subito nel 41 aC fornisce il piu evidente riferimento autobiografico e una importante componente di soggettività delle Bucoliche, poichè offre lo spunto all’ecloga I e alla IX.
Nelle Bucoliche appaiono inoltre importanti personaggi politici del tempo come Ottaviano, Asinio Pollione, Alfeno Varo, Cornelio Gallo e persino Giulio Cesare, proprio come se nell’evasione dalla realtà verso quei locus amoenus pastorali Virgilio non riuscisse a staccarsi definitivamente da stessa realtà e dalla vita politica.

Temi Ai temi come l’amore nelle varie forme, il canto amebeo (alternato) dei pastori, l’esaltazione della poesia, la perdita delle terre, si affiancano tematiche non strettamente legate alla tradizione pastorale, come, ad esempio, la profezia di una nuova età dell’oro o la cosmogonia.

Virgilio tenta di dare alla sua opera una struttura fondata su una complessa architettura d’insieme, infatti sono presenti in tutto i componimenti varie simmetrie e argomenti riconducibili l’uno all’altro.

La IV ecloga, forse la più famosa e discussa delle Bucoliche, composta nel 40 aC durante il consolato di Asinio Pollisone,è pervasa da un fortissimo auspicio espresso in termini profetici e quasi messianici che la nascita di un puer avrebbe cambiato il corso della storia, riportando l’umanità a una sorta di età dell’oro. Impossibile dire con certezza se il bambino cui Virgilio alluse sia il figlio di Pollione oppure quello di Ottaviano (che in realtà sarà poi una figlia) o quello di Antonio, attesi tutti e tre quell’anno. Traspare ad ogni modo dai versi di Virgilio una speranza collettiva di pace e prosperità derivante dalla voglia di lasciarsi alle spalle i difficili anni delle guerre civili. Non è neanche mancata, in età medievale un’interpretazione allegorica dell’ecloga, nella quale la venuta del puer veniva intesa come una profezia della nascita di Gesù Cristo, contribuendo così alla leggenda di un Virgilio cristiano.
Di grande importanza e complessità è anche l’ecloga X nella quale si narra dell’amore infelice del poeta elegiaco Cornelio Gallo per la sua Licoride, che lo tradì con un soldato, con ambiente un idilliaco paesaggio dell’Arcadia.

Hai bisogno di aiuto in L'era Augustea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità