Ominide 1503 punti

Orazio e le Odi


Si può affermare che le Odi rappresentino massima espressione lirica di Orazio, che era perfettamente conscio della sua grandezza poetica, tanto da autodefinirsi "vate" e riconoscendo la perfezione dei suoi versi. Le Odi hanno rappresentato a lungo uno dei cardini della letteratura latina, anche se il gusto moderno ne ha spesso oscurato l'apprezzamento da parte dei contemporanei.
Non furono scritte di getto, anzi vennero composte, spesso anche in seguito a episodi particolari della vita del poeta, tanto che i 4 libri in cui sono raccolte vennero pubblicati in una prima parte nel 23 a.c. e in una seconda nel 13 a.C. . I modelli greci a cui Orazio si rifà sono quelli dei poeti di Lesbo Alceo e Saffo; Orazio, grazie alla sua profonda conoscenza della poesia greca, compì una grande opera di adattamento del verso greco a quello latino, tenendo in debita considerazione che il primo fosse destinato al canto, il secondo alla lettura "privata" o al massimo alla declamazione. Il pensiero epicureo riaffiora continuamente in tutta l'opera, soprattutto per quanto riguarda la condanna degli eccessi e il principio del "carpe diem".

Oltre al linguaggio di registro più elevato, è presente una maggiore espressione della personalità di Orazio, che parla in prima persona e che spesso maschera il proprio pensiero attraverso il dialogo con un personaggio. Il lavoro di scelta delle parole fu sicuramente attento e calibrato, anche se il tono è indiscutibilmente più serio rispetto alle altre opere. E' inoltre palese un parziale accantonamento del fine istruttivo, favorendo un atteggiamento verso il mondo umano più variegato. Se si prende riferimento della liricità Catullo, con i suoi sentimenti contrastanti, Orazio agisce sicuramente in maniera diversa, più moderata, nel tentativo di trasformare i suoi sentimenti in parole, cercando di sopprimere gli eccessi di emotività. Costantemente presenti sono anche i riferimenti ad altri famosi autori suoi contemporanei e predecessori, comprensibili solo dai lettori istruiti a cui le Odi erano rivolte. I temi delle Odi sono numerosi: i valori dei costumi e delle tradizioni romane (le cosiddette odi romane composte in occasione dei Ludi Saeculares), la natura, i piaceri della vita, i sentimenti. Il tema amoroso è presentato in chiave epicurea, ovvero escludendo una eccessiva passione amorosa, presentando una serie di donne ognuna con caratteristiche diverse.
Hai bisogno di aiuto in L'era Augustea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email