jeimo di jeimo
Eliminato 692 punti

Livio (59/17 d.C.)


Vita:

Schierato dalla parte di Pompeo durante la Guerra Civile, Livio trascorse gran parte della sua vita scrivendo l'opera Ab Urbe Condita.

Ab Urbe Condita:

L'opera è composta da 142 libri, divisi in decadi e in pentadi. A noi sono giunte però solamente la prima, la terza, la quarta e metà della quinta decade.
L'opera ha inizio nel 753 a.C., anno della fondazione di Roma, e si conclude nel 9 d.C. con la battaglia di Teutoburgo. L'opera non fu completata probabilmente per motivi di salute dovuti alla vecchiaia oppure per la morte dello stesso autore.
Si ipotizza, però, che i libri sarebbero dovuti essere 145 o 150, probabilmente sarebbero dovuti terminare con la morte di Augusto.

Livio come storico?

Non è possibile definire Livio un vero storico in quanto non utilizza documenti originali, bensì altri testi storici e spesso adopera una fonte per poi abbandonarla.

Lo stile

Il suo stile è scorrevole come latte, ricco di arcaismi, di narrazioni, dialoghi retorici e pathos.
L'obiettivo di Livio è quello di descrivere vizi e virtù dei cittadini romani.
Infatti, nell'introduzione dell'opera, Livio fa un'attestazione di modestia, esaltando la stessa Roma, la quale discende dalle più alte divinità, nata dalle virtù e decaduta nei vizi come la lussuria e l'invidia, anche se molto più tardi rispetto agli altri popoli.

Hai bisogno di aiuto in L'era Augustea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email