Tirteo e le guerre messeniche

Tirteo visse alla fine del VII sec a. C., nel periodo della seconda guerra messenica. Con “guerre messeniche” si intendono i due conflitti che gli Spartani combatterono per sottomettere i Messeni e renderli iloti (termine utilizzato per designare gli schiavi). Era di origine spartana, ma una leggenda lo vuole ateniese: gli Ateniesi, infatti, volevano vantare un altro grande poeta. Secondo la leggenda, gli Spartani, impegnati nella seconda guerra messenica, si trovavano in difficoltà. Allora, mandarono ambasciatori a Delfi per consultare l'oracolo di Apollo: il dio rivelò che, per sbloccare la situazione, avrebbero dovuto chiedere agli Ateniesi un comandante che li guidasse in guerra. Costoro concessero loro Tirteo, un maestro di scuola zoppo e folle: non era di certo prestante, ma era un grandissimo poeta, che scrisse componimenti così belli che infiammarono gli animi dei guerrieri. Le sue elegie parenetiche ebbero successo a tal punto che tutti i giovani, prima del combattimento, erano obbligati ad andare nella tenda del generale ed ascoltare la sua poesia.

Le sue elegie furono suddivise dai filologi alessandrini del IV-III sec a.C. in 5 libri: in alcune esorta al buon governo spartano, in altre esalta il valore militare. Anche se Spartano, i suoi componimenti non sono scritti in dialetto dorico, ma ionico. Probabilmente furono composti in dorico, ma furono, poi, tradotti in ionico per avvalorare la tradizione della sua discendenza ateniese.

Hai bisogno di aiuto in Letteratura Greca?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email