Genius 32559 punti

Il mito come forma di spiegazione della realtà


Gli aspetti del linguaggio arcaico si connettono alla presenza ed all’uso costante dei miti. Che cos’è un mito? In sostanza è un racconto, una narrazione di vicende di cui sono protagonisti dei, semi-dei o eroi, con una sua logica e coerenza interne e
una sua funzione.
Della genesi e delle finalità del mito si sono date storicamente versioni e letture diverse, alcune "deboli” (quelle che Io relegano all’ambito puramente letterario e di tradizione orale), altre "forti” (che trasformano il mito nel primo vero tentativo umano di “comprendere” o di “contemplare” la verità del mondo e del reale).
Ma tende ormai a non essere più accolta l’interpretazione del mito come “finzione” letteraria priva di legami con la verità e la realtà delle cose. Non solo gli studi su quel periodo, ma anche l’insieme delle ricerche compiute dalla moderna antropologia, ci portano a vedere nel mito un’autonoma e coerente forma culturale, cioè una forma di interpretazione del mondo nella quale contenuti di verità sono comunicati con modalità diverse da quelle adottate dalla scienza o dalla filosofia.
Al mito si riconosce la funzione di tendere a rafforzare la tradizione, in quanto molto spesso indica e descrive una realtà originaria o un evento straordinario con cui si giustificano — di fatto — le consuetudini e l’ordine sociale di una tribù, di un popolo e quindi si confermano i riti e i culti di quel quadro sociale.
Hai bisogno di aiuto in Letteratura Greca?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email