••• Lo scrittore
•• Nel 1867 pubblica Thérèse Raquin. Nel 1868 comincia il vasto progetto dei Rougon-Macquart. Il primo volume La Fortune des Rougon è pubblicato nel 1870, anno in cui si sposa con Gabrielle Alexandrine. Ogni anno pubblica un nuovo volume del grande ciclo romanesque. Ma Zola diventa famoso con L’Assommoir (1877). Diventa il maître del naturalismo e può finalmente vivere della sua scrittura. Forma un circolo di scrittore sedotti dal progetto naturalista.
••• L’uomo impegnato
•• Nel 1888 si rompe l’equilibrio familiare di Zola: incontra Jeanne Rozerot e ha con lei due bambini, ma continua a vivere con Alexandrine. Nel 1893 pubblica Le Docteur Pscal, ultimo volume dei Rougon-Macquart. Scrive poi la série delle città (Lourdes, 1894; Rome, 1896; Paris, 1897) e i quattro Évangiles (Fécondité, 1899; Travail, 1901; Verité, pubblicata postuma nel 1903; Justice, mai pubblicata). Ma si lancia soprattutto nel combattimento politico prendendo le difese di Dreyfus. Questi articoli, tra cui il celebre J’accuse, lo obbligano a esiliarsi (s’exiler) un anno in Angleterre e si fa molti ennemis. Zola è odiato e calomnié. Muore nel 1902 prima della riabilitazione di Dreyfus, asfissiato da un camino (incidente o assassinato?) e moltissime persone assistono ai suoi funerali.

Zola è impegnato politicamente e personalmente per la justice. J’accuse è diventato l’emblema di tutte le lotte contro ogni forma di racisme. Zola e Maupassant mettono l’Art, come la scienza, al servizio della Vérité.

•••• La Curée (1872)
•• È il secondo romanzo del ciclo. Denuncia la corruzione che ha accompagnato la trasformazione di Parigi, proiettata dal barone Haussman. Aristide Saccard è il personaggio principale, andato a Parigi per fare fortuna e quando sua moglie muore sposa una ricca ereditiera, Renée, e poi cerca di appropriarsi dei beni. Diventa uno dei fortunati di Parigi lasciandosi nella speculazione immobiliare. Renée si troverà rovinata, abbandonata da suo marito, e morirà di meningite.
••• L’Assommoir (1877)
•• Ottiene sin da subito un grande successo, ma anche molte critiche: l’ambiente descritto è il milieu operaio (ouvrier) parigino; lo stile dipinge la decadenza di una famiglia operaia con tutta la realtà intorno a questa, fatta di pigrizia e di ubriachezza, di promiscuità, la dimenticanza dei sentimenti onesti. È un’opera di verità, il primo romanzo sul popolo che non mente e che ha l’odore del popolo.

••• Au Bonheur des Dames (1883)
••• Germinal (1885)
•• Vuole portare un nuovo sguardo sulla società del suo tempo, in particolare su una parte della società che è stata per troppo tempo dimenticata: la classe operaia (ouvrière): nel romanzo si oppongono i due mondi: quello dei minatori nella miseria e quello della bourgeoisie avido e incapace di capire i problemi sociali. Il messaggio finale è ottimista: speranza di un mondo migliore non ancora nato, ma che sta per “germer” (germogliare) e questo è il pensiero di Zola.

Hai bisogno di aiuto in Letteratura Francese?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email