Ominide 4103 punti

Qual'è la personalità di Voltaire

Spirito vivace, arguto e sarcastico, Francesco Maria Arouet, detto Voltaire, è limpido ed incisivo divulgatore, anche se superficiale, delle dottrine illuministiche desunte soprattutto da Locke, da Newton e dai deisti inglesi. Lotta tenacemente contro il fanatismo, la tradizione ed i pregiudizi, convinto che solo la ragione può purificare l'uomo dall'egoismo e sospingerlo alla ricerca del bene comune.
in religione professa il deismo: afferma che Dio esiste ma nega che la Provvidenza divina governi la storia, la quale, invece, è opera delle passioni umane, e critica l'ottimismo di Leibniz e la sua teoria del migliore dei mondi possibili. Nel problema conoscitivo segue il sensismo di Condillac ed è aspramente polemico contro il cartesianesimo, che giudica dogmatismo pericoloso. In politica combatte l'assolutismo e, diffidando dal popolo, è orientato verso una monarchia illuminata del tipo di quella di Federico II di Prussia.

Scrive nelle "Questioni sull'Enciclopedia": "Il sistema dell'ottimismo rappresenta l'autore della natura come un re potente che agisce male, senza curarsi della vita di quattro o cinquecentomila uomini, e della miseria e delle lacrime degli altri sudditi, pur di realizzare i propri progetti. Ben lungi dall'essere consolante, la tesi del migliore dei mondi possibili è la disperazione dei filosofi che la sostengono".

Hai bisogno di aiuto in Letteratura Francese?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email