Video appunto: Riassunto: Il gobbo di Notre Dame

Il gobbo di Notre Dame



Il gobbo di Notre Dame è un romanzo storico di Victor Hugo, originariamente pubblicato in francese nel 1831 come Notre-Dame de Paris. ("Nostra Signora di Parigi")

Trama



Il gobbo di Notre Dame è ambientato a Parigi nel XV secolo. La storia è incentrata su Quasimodo, definito “la campana” deforme della Cattedrale di Notre-Dame, e il suo amore non corrisposto per la bella ballerina Esmeralda.
Esmeralda, nata Agnès, è vista come una ragazza rom francese. La sua madre biologica è un'ex prostituta un tempo conosciuta come Paquette la Chantefleurie, ma ora conosciuta come Suor Gudule. Mentre non si sa nulla del padre. Quindici anni prima, un gruppo di rom rapì la piccola dalla camera di sua madre. Esmeralda non è a conoscenza del suo rapimento. Così lei vive e viaggia con i Rom come se fosse una di loro. Quasimodo incontra per la prima volta Esmeralda alla festa dei folli , un festival annuale che rappresenta una parodia ecclesiastica. Durante il festival, Quasimodo viene eletto "Papa dei matti" e successivamente picchiato da una folla inferocita. Esmeralda ha pietà di lui e gli offre da bere. Quasimodo da allora in poi si innamora della ballerina e decide di dedicarsi alla sua protezione.
All'insaputa di Quasimodo, altri due uomini si contendono l'affetto di Esmeralda: il padre adottivo di Quasimodo, l'arcidiacono Don Claude Frollo, e il capitano donnaiolo Phoebus de Châteaupers. Esmeralda, da parte sua, si è innamorata irrimediabilmente del Capitano Phoebus. Quando le chiede di incontrarlo in segreto a tarda notte, lei accetta con entusiasmo. Quella notte Phoebus cerca di convincere Esmeralda a dormire con lui. Da un armadio nella stanza di Phoebus, un Frollo travestito spia la coppia. Dopo aver visto Phoebus baciare la spalla di Esmeralda, l' arcidiacono , in un impeto di rabbia gelosa, abbatte la porta dell'armadio e pugnala Phoebus nella parte posteriore. Phoebus crolla prima di poter vedere il suo aggressore. Anche Esmeralda perde conoscenza e Frollo fugge, lasciando Esmeralda come unico sospettato per il tentato omicidio.
Esmeralda viene rapidamente catturata dalla guardia del re. Il maestro Jacques Charmolue presiede il suo processo. Charmolue la condanna a morte dopo che ha confessato falsamente di stregoneria e di aver ucciso Phoebus. Ma Esmeralda non è a conoscenza del fatto che Phoebus sia vivo. Quasimodo tenta di proteggere Esmeralda a Notre-Dame, ma alla fine non è in grado di salvarla. Frollo tradisce Quasimodo ed Esmeralda prendendo Esmeralda dalla cattedrale e rilasciandola in una folla inferocita di parigini. Poco dopo, Esmeralda viene impiccata e Quasimodo, nel suo dolore e disperazione, spinge Frollo dalla torre della cattedrale. Il romanzo termina molti anni dopo, quando due scheletri, quello di un gobbo e quello di una donna, vengono trovati abbracciati nella tomba di Esmeralda.

notre dame

Temi Centrali



Il gobbo di Notre Dame di Hugo da l’idea di cosa significhi essere un mostro. Il romanzo esalta la caratteristica distintiva di Quasimodo, ovvero la sua mostruosità fisica e la sua intera identità, alla base di tutto. Viene descritto da una delle donne di Parigi come un brutto "malvagio". Diversi personaggi suggeriscono che è una specie di essere soprannaturale che si aggira per Parigi, lanciando incantesimi sui suoi cittadini. Quasimodo è giustapposto al precipitante capitano Phoebus, che condivide il suo nome con il dio greco-romano del sole. Phoebus è descritto come un giovane imponente, "uno di quei bei compagni che tutte le donne accettano di ammirare". Eppure è Quasimodo, e non il Capitano Phoebus, che tenta di salvare Esmeralda e che alla fine uccide l'arcidiacono, ponendo così fine al suo regno di terrore.
Esmeralda è anche percepita come una specie di mostro. Sebbene non sia, in realtà, una Rom, è vista e trattata come tale. In Il gobbo di Notre Dame i Rom sono associati alla stregoneria e al soprannaturale. Sono visti come estranei esotici e si dice che pratichino la magia, possiedano capre sataniche e rapiscano bambini parigini, tra le altre cose. Frollo sfrutta la loro associazione con il soprannaturale per sanzionare un'epurazione Rom, proprio come Charmolue la usa per autorizzare l'esecuzione di Esmeralda. Il romanzo condanna la società che accumula sofferenza su artisti del calibro di Quasimodo ed Esmeralda. Alla fine, Hugo indica che i veri mostri non sono Quasimodo ed Esmeralda ma Frollo e Phoebus.

Contesto e ricezione



La cattedrale Notre-Dame de Paris è uno dei simboli più duraturi della capitale francese. Hugo concepì Il gobbo di Notre Dame come una storia della cattedrale stessa e dedicò due capitoli del romanzo a descriverlo. Si concentrò principalmente sugli elementi architettonici gotici della struttura, compresi i suoi contrafforti volanti, le finestre clericali e le vetrate . Hugo identificò l'architettura gotica come portatrice del patrimonio culturale della Francia. La rivoluzione francese aveva provocato la desacralizzazione, il decadimento e la conseguente distruzione di molte cattedrali e chiese gotiche. In Il gobbo di Notre Dame, Hugo ricrea l'atmosfera vibrante e intensa della vita del XV secolo per ricordare ai suoi lettori lo splendore e il significato del passato gotico di Parigi. Il libro funge anche da motivo per la conservazione della storica architettura gotica della città. La sua richiesta è stata accolta con grande successo. La prima stampa, pubblicata dall'editore Charles Gosselin, fu distribuita in quattro numeri di 275 copie ciascuno, e il romanzo fu immediatamente, incredibilmente popolare. Notre-Dame de Paris divenne un'icona nazionale francese e la proliferazione di immagini della cattedrale contribuì a rilanciare l'uso e il prestigio delle forme gotiche.

A cura di Anny.