Ominide 2487 punti

I nomi concreti e astratti

Una differenza tra i nomi, basata sul significato, è quella tra i nomi concreti e i nomi astratti. Alcune realtà, per esempio una persona, un oggetto, un suono, un profumo si possono vedere, sentire, toccare, gustare, annusare, cioè percepire con i sensi. Altre realtà, per esempio un'idea, un sentimento, un'emozione non si possono percepire con i sensi.
•I nomi concreti indicano cose, persone, animali, oggetti che si possono conoscere attraverso i sensi, ossia vedere, toccare, udire, annusare, gustare.
•I nomi astratti indicano idee, sensazioni, concetti che hanno una forma, un peso, un perso, un suono, un gusto e dunque non si percepiscono con i sensi.

Astratti o concreti?
Qualche volta i grammatici non sono d'accordo su che cosa sia astratto e cosa concreto. Per alcuni, nomi come "dolore" o "fatica" sono concreti perché indicano sensazioni fisiche o azioni; per altri sono astratti perché non si possono toccare.
Diverso è il caso di quei nomi che usati che un determinato significato sono concreti, con un altro significato sono invece astratti:
-Questa medicina (questa sostanza: concreto) è amara.
-La medicina (questa sostanza: astratto) ha fatto pregressi.

-Non ingoiare il nocciolo (parte interna dura del frutto: concreto) della ciliegia.
-Andiamo al nocciolo (in senso figurato, la parte più importante: astratto) della questione.

Hai bisogno di aiuto in Grammatica per le medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email