Elo1218 di Elo1218
Ominide 3669 punti

Ledda – “La scuola non è per i poveri”


Il brano “La scuola non è per i poveri” è stato scritto da Gavino Ledda e parla della sua breve esperienza di alunno povero.
Questo brano, quindi, racconta di un bambino di nome Gavino, il quale andò a scuola il 7 gennaio del 1944 con tre mesi di ritardo.
Appena arrivato tutti lo prendevano in giro perché lui non sapeva leggere, scrivere e non sapeva fare le aste.

Per fortuna come compagno di banco gli toccò Pizzente, che era un bambino arrivato lo stesso giorno di Gavino, con il quale poteva condividere la sua timidezza.

Pizzente era un bambino disordinato che non portava ma né cartella e nemmeno i quaderni.
Ma purtroppo una mattina di febbraio, il padre di Gavino, con lo sguardo di un falco affamato, andò a scuola da suo figlio, entrò in classe e salutò la maestra con un secco buongiorno. Suo padre era vestito con un abbigliamento pastorale: pantaloni di fustagno, giacca di velluto liscio, scarponi e un berretto rigido.
Il padre di Gavino disse alla maestra che aveva bisogno di lui in campagna, perché doveva badare alle pecore, mentre lui si occupava del grano, della vigna e dell’oliveto. Poi doveva anche badare agli agnelli dalla minaccia della volpe, perché per loro un agnello non era una cosa da poco.
La maestra, sentendo quel discorso, consolò Gavino e lo incoraggiò spiegandogli che in campagna c’erano molti fiori, alberi e uccellini che pigolavano sugli alberi, invece in quel paese Siligo non c’era niente.
Così Gavino si preparò alla triste realtà che era arrivata troppo presto. Con le lacrime agli occhi lanciò un ultimo sguardo alla sua classe, imprimendo i suoi compagni nella sua mente.
Gavino e suo padre salutarono la maestra e se ne andarono.
Hai bisogno di aiuto in Antologia per le medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email