Galileo Galilei nasce a Pisa nel 1564 da una famiglia borghese. Il padre lo spinge verso gli studi di medicina,ma il giovane Galileo è attratto dalla matematica che comincia a studiare fin dal 1583. Sebbene non giunga a laurearsi,Galileo ottiene la cattedra di matematica a Pisa; nel frattempo studia anche la letteratura e scrive considerazioni su Ariosto e Tasso.Dopo un breve periodo a Padova,ritorna a Pisa. Intanto è divenuto famoso per le sue scoperte, alcune delle quali avvalorano la teoria eliocentrica di Copernico,contrastando il geocentrismo sostenuto da Tolomeo e indicato nella Bibbia. Nel 1616 il papa lo convoca a Roma e gli impone di negare le tesi copernicane; Galileo sostiene le sue opinioni e invano tenta di dimostrare che non sono offensive nei confronti del testo sacro,continuando ad approfondire i suo studi. Nel 1633 sarà l'inquisizione romana a metterlo sotto processo e a dichiararlo colpevole di eresia.La pena comminata consiste nell'obbligo di abiurare,nell'inserimento nell'indice dei libri proibiti dell'opera Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo,che gli era stata contestata e in un periodo di confino. Intanto le condizioni di salute di Galileo,che dal 1638 è completamente cieco,si aggravano:muore nel 1642. La riabilitazione dello scienziato parte della Chiesa è avvenuta soltanto nel 1992 con papa Giovanni Paolo II.

Le sue opere più famose sono:
-Il saggiatore(1623), trattato in cui Galileo polemizza contro i falsi scienziati;
-Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo(1632), dialogo scritto in volgare in cui Galileo confronta il sistema tolemaico con quella copernicana;
-Sidereus nuncius(1610), trattato di astronomia scritto prima in volgare e successivamente in latino.

Hai bisogno di aiuto in Antologia per le medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017