Ominide 11289 punti

Le proposizioni subordinate sostantive

Proposizione soggettiva. Fa da soggetto della reggente. Dipende da verbi impersonali, da verbi costruiti con il si impersonale, da locuzioni e impersonali.
Esplicita. che più indicativo, congiuntivo, condizionale. Implicita. Infinito. È bello studiare con te;
di più infinito. Si pensa di terminare il lavoro per domani.
proposizione oggettiva. Fa da complemento oggetto della reggente. Dipende da verbi enunciativi o dichiarativi, da verbi indicanti percezione, ricordo, giudizio, stima, volontà, desiderio.
Esplicita. che più indicativo, congiuntivo, condizionale. Ho capito che sei timida; Temo che siano stati ingannati; Rispose che avrebbe rispettato i patti.
Implicita. di più infinito. Promisero di tornare.
Proposizione dichiarativa: Serve a “dichiarare”, cioè a chiarire, spiegare un elemento (nome o pronome) della reggente.

Dipende da un nome (la speranza, il fatto, il pensiero) o da un pronome dimostrativo (questo, quello) della reggente.
Esplicita. che più indicativo, congiuntivo, condizionale. Mi rende felice il pensiero che presto guarirai; Questo mi addolora. che tu sia gelosa di me.
Implicita. di più infinito. Rossella ha paura di viaggiare in aereo.
Proposizione interrogativa indiretta. Esprime una domanda o un dubbio in forma indiretta, cioè senza il punto interrogativo. Dipende da verbi, nomi o aggettivi esprimenti domanda o dubbio.
Esplicita. pronomi, aggettivi, avverbi interrogativi; congiunzioni interrogative e dubitative più indicativo, congiuntivo, condizionale; Dimmi perché ti ha sgridato; Ignoro quanti anni abbia Luca; Non so se ci farebbe un prestito.
Implicita. è introdotta dagli stessi elementi della forma esplicita più infinito. Spiegami come risolvere questo problema; Non sappiamo dove andare.

Hai bisogno di aiuto in Grammatica italiana?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze