regole con glielo

Regole ed esempi


Spesso si hanno dubbi sulle particelle glielo, gliela, glieli, gliele riguardo diversi argomenti di queste particelle.
Queste particelle sono formate da due pronomi personali complemento, uno atono (gli) e uno tonico (lo, la, li, le) la particella composta dev'essere scritta attaccata (glielo, gliela ecc...), perciò non si devono scrivere staccate, quindi niente glie lo, glie la ecc... L'aggiunzione della e dopo gli è obbligatoria e dev'essere eseguita in ogni caso.

Marco porta un libro a Paolo. --> Marco gli porta un libro. --> Marco glielo porta.
Ridai il telefono al tuo amico. --> Ridagli il telefono. --> Ridaglielo. (Ridaglie lo).

Stessa regola vale per quando dopo la particella si trova il verbo avere in forma di ausiliare nelle prime tre persone singolari presente e nella terza plurale (ho, hai, ha, hanno).
Lo hanno detto a lui. --> Gliel'hanno detto.

è stato rubato il portafoglio a lui. --> Gliel'hanno rubato.
Ha mandato la lettera a Giacomo. --> Gliel'ha mandata.
Ho fatto una telefonata a lui. --> Gliel'ho fatta.

Si hanno spesso avuto dei dubbi anche sull'utilizzo quando si trova la presenza di un femminile ma l'utilizzo rimane lo stesso. Dubbi che possono scaturire dal fatto che, come si sa, al singolare femminile non si usa gli ma si usa le.
Marco insegna a Laura il latino. --> Marco glielo insegna.

Queste particelle sono inoltre le uniche del proprio genere che si scrivono attaccate, infatti non si scrive mai melo ma si scrive me lo, non si scrive tela ma te la ecc...

Hai bisogno di aiuto in Grammatica italiana?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email