Ominide 8039 punti

Territorio-Spagna

La Spagna è una monarchia costituzionale; la capitale è Madrid e fa parte dell'Unione Europea dal 1986.
La Spagna confina a ovest con il Portogallo, a nord-est con la Francia; è bagnata a nord e a sud-ovest dall'Oceano Atlantico e a est e a sud-est dal Mar Mediterraneo. Comprende anche le isole Baleari nel Mediterraneo e le isole Canarie nell'Oceano Atlantico.
La Spagna occupa gran parte della Penisola Iberica. Il Paese è costituito in buona parte da un vasto altopiano centrale, la Maseta, con rilievi molto antichi che in genere non superano i 1000 metri di altitudine. La Maseta,che copre circa i due terzi del territorio, è circondata su tre lati da una serie di catene montuose: i Monti Cantabrici e i Pirenei a nord, i Monti Iberici a est, la Sierra Morena a sud. Il sistema Centrale divide a metà questa grande pianura rialzata, separando la regione di Castiglia-Leon da quelle dell'Estremadura e di Castiglia-La Mancha. A sud, a ridosso della costa mediterranee, si innalza la Cordigliera Betica, dove si trovano i rilievi più imponenti: nella Sierra Nevada, il Monte Mulhacen raggiunge i 3478 metri di quota. La massima elevazione della Spagna si trova, però fuori dalla Penisola Iberica ed è un vulcano. il Pico de Teide a Tenerife, nelle isole Canarie. Le pianure sono poche e limitate a qualche regione costiera e ai bacini fluviali. Le più importanti sono la Pianura Aeagonese a settentrione, percorsa dal fiume Ebro, e quella Andalusa, nel settore meridionale, percorsa dal Guadalquivir. La portata dei fiumi è ridotta a causa della scarsità delle precipitazioni e l'irregolarità delle piogge caratterizza il regime fluviale alternando piene improvvise e impetuose in primavera a forti magre nel periodo estivo. I fiumi più importanti sono il Guadalquivir e l'Ebro.

Il Guadalquivir si forma sulle alture a ridosso della Cordigliera Betica, raccoglie gli affluenti che scendono dalla Sierra Nevada e prima di sfociare nell'Atlantico attraversa in Andalusa la più estesa delle pianure spagnole. Alla foce del Guadalquivir si trova una zona umida di grandissima importanza naturalistica: il Parco di Coto Donana, una delle zone paludose più estese d'Europa.
L'Ebro nasce sulle alture dei Monti Cantabrici e, dopo aver raccolto le acque dei Pirenei, sfocia nel Mar Mediterraneo. Prima di gettarsi in mare percorre la fertile pianura Aragonese che ha contribuito a formare. L'altopiano della Maseta è attraversato da tre fiumi che scorrono da est verso ovest e proseguono il loro corso in territorio portoghese: sono il Duero, il Tago e la Guadiana.
La Spagna presenta un elevato sviluppo costiero, circa 4000 chilometri di coste morfologicamente diverse. A nord, dal momento che la maggior parte dei rilievi termina a ridosso del mare, le coste risultano alte, con scogliere e strette insenature; nel tratto galiziano sono presenti profonde insenature, dette rias. Nelle regioni meridionali e orientali, si alternano coste dai tratti scoscesi e pianeggianti, e solo in prossimità delle foci dei fiumi il litorale è basso e sabbioso, con tratti paludosi. Appartengono alla Spagna varie isole: l'Arcipelago delle Baleari nel Mar Mediterraneo, l'Arcipelago delle Canarie nell'Oceano Atlantico, che appartiene fisicamente all'Africa.
Nel settore settentrionale del Paese, lungo le coste prevale il clima di tipo atlantico, con precipitazioni abbondanti durante tutto l'arco dell'anno, inverni miti ed estati fresche. La vegetazione è rigogliosa. Sulle fasce costiere orientali e meridionali domina un clima mediterraneo, con scarse precipitazioni, estati calde e inverni miti. Le correnti calde e secche africane influenzano il clima via via che ci si sposta verso sud-ovest, abbassando le precipitazioni annue e causando periodi di siccità. In tutta la zona prevale la gariga e nelle zone più a sud vi sono addirittura le palme da datteri. Nelle regioni interne della Maseta , a causa dei rilievi montuosi allineati lungo le coste che limitano l'influenza delle correnti marine, il clima è di tipo continentale, caratterizzato da precipitazioni scarse e da escursioni termiche annuali elevate. La vegetazione è in prevalenza steppica e in alcune aree presenta i caratteri tipici delle zone aride o semiaride.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email