Le cause recenti del <<sottosviluppo>>

Dopo la decolonizzazione (avvenuta in America Latina agli inizi dell'Ottocento e in Asia e in Africa nella seconda metà del XX secolo), si è venuta affermando come pesante eredità della precedente politica coloniale, una divisione internazionale del lavoro fra i Paesi industrializzati del Nord del mondo, ricchi di tecnologia (ma non sempre di materie prime), e i Paesi non industrializzati del Sud del mondo, che svolgono ancora oggi il ruolo di produttori di materie prime e di beni agricoli destinati al Nord.
Una delle maggiori cause del sottosviluppo di questi Paesi è la sostituzione di forme di agricoltura di sussistenza, che forniscono prodotti per l'autoconsumo della popolazione locale, con la cosiddetta monocoltura (cioè coltivazione di un unico prodotto o coltura di piantagione) gestita da multinazionali, che sono grandi organizzazioni economiche le quali producono e vendono in varie parti del mondo.

Le multinazionali che operano in campo agricolo, per esempio, ricavano prodotti di qualità (caffè, cacao, canna da zucchero) pur pagando bassi salari, e li rivendono a prezzi molto alti sui mercati del Nord.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email