Ominide 4103 punti

Le regioni climatiche italiane

In Italia, i fattori che influiscono maggiormente sulla distribuzione dei climi sono la notevole estensione nord-sud,la presenza di catene montuose e l'influenza del mare.
Le Alpi fungono da barriera contro le perturbazioni di venti freddi provenienti da nord; l'unica eccezione è la cosiddetta "porta del nord est", un'interruzione dell'arco alpino attraverso la quale il vento di bora entra nella Friuli Venezia Giulia.
Gli Appennini proteggono il versante tirrenico dai freddi e secchi venti di nord-est, mentre impediscono ai venti occidentali caldi e umidi di giungere al versante adriatico.
Il Mar Tirreno, più ampio profondo dell'adriatico, ha una maggiore influenza mitigatrice sul clima,con effetti che si spingono più all'interno più a nord.
Per questi motivi, e per la protezione delle Alpi marittime, la costa ligure ha un clima più mite, con estati meno calde e inverni meno freddi, rispetto al tratto di costa adriatica che si trova alla stessa latitudine.

Anche grazie alla grande varietà climatica, in Italia esistono molti ambienti naturali diversi; l'Italia ha una biodiversità tra le più ricche d'Europa, con diverse migliaia di specie vegetali e oltre 57.000 specie animali.
La vegetazione naturale prevalente è costituita dalla foresta di caducifoglie delle terre di pianura e collina, dalle foreste di conifere e dalla tundra a maggiori altitudini sulle montagne, dalla vegetazione mediterranea attorno alle coste, ma in realtà nel territorio italiano, come gran parte dell'Europa, prevalgono i paesaggi più o meno modificati dall'uomo.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email