Ominide 15553 punti

Puglia: il territorio, i monti, le pianure

La Puglia forma il tallone dello stivale italiano. È situata all’estremità sud-orientale della Penisola ed è bagnata dal Mare Adriatico e dal Mare Ionio. Sul primo di questi mari si apre il Golfo di Manfredonia, sul secondo il Golfo di Taranto. Le coste sono generalmente rettilinee, e alternano tratti bassi a tratti abbastanza alti; si fanno rapide e scoscese lungo il versante meridionale del roccioso Promontorio del Gargano e all’estremità meridionale della Penisola Salentina, in corrispondenza delle Serre Salentine. La Puglia si compone di quattro zone territoriali fisicamente distinte: il Gargano, il Tavoliere, le Murge e il Salento. Il Gargano è lo sperone dello stivale. Si protende nell’Adriatico con una tozza schiena rocciosa culminante nel Monte Calvo, che è la più alta cima della Puglia. Le coste sono orlate a Nord dai laghi di Varano e di Lésina. Il Tavoliere, compreso tra i fiumi Fortore e Ofanto, è una pianura priva di alberi, arida e uniforme, coltivata estensivamente a cereali. Le Murge, situate al centro della regione, tra l’Ofanto e la Penisola Salentina, sono costituite da un arido altopiano calcareo che si innalza fino a 686 metri nella Torre Disperata; esso declina poi a terrazzi fino alla fertile Terra di Bari, che forma la fascia costiera. Il Salento corrisponde alla penisola situata all’estremità sud-orientale della Puglia, tra l’Adriatico e lo Ionio. È una pianura rotta da leggere ondulazioni, nella quale si alternano tratti di suolo paludoso a tratti abbastanza fertili formati da terreni argillosi. Presenta il modesto rilievo delle Serre Salentine.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email