Ominide 16918 punti

La Puglia

Il territorio della Puglia può essere diviso, da nord a sud, in quattro zone: la penisola del Gargano, quasi completamente montuosa; il Tavoliere di Puglia, la seconda pianura d’Italia per estensione; le Murge, un altopiano arido e roccioso; la Penisola Salentina, che è il “tacco” della Penisola. Questa regione è molto povera d’acqua: l’unico vero fiume è l’Ofanto. Inoltre, quando piove, in molte zone l’acqua viene assorbita dal terreno. Le coste pugliesi sono basse e rettilinee. L’economia: Ecco le caratteristiche della Puglia: - territorio formato da altipiani e pianure, in parte fertili; - scarsità d’acqua; - clima arido; - una certa quantità di bauxite: - buone vie di comunicazione, soprattutto ferroviarie (la linea adriatica; la Foggia-Napoli; la Brindisi-Taranto-Reggio Calabria); - ottima disponibilità di porti (Bari, Brindisi, Taranto); - un discreto aeroporto a Brindisi. La Puglia ha quindi buone possibilità per lo sviluppo sia dell’agricoltura sia dell’industria. L’agricoltura è ostacolata dalla scarsità d’acqua; per superare questo ostacolo gravissimo si sono costruiti acquedotti (il più lungo e importante è quello che raccoglie le acque del fiume Sele) e altri se ne stanno costruendo. Nelle pianure e sulle colline sono coltivati cerali, mandorli, fichi, viti, olive e ortaggi. Nella regione esistevano diverse industrie per lo sfruttamento dei prodotti dei campi, ma ora, come in Campania, sono stati costruiti colossali complessi industriali: la più grande acciaieria italiana a Taranto, un gigantesco complesso per la lavorazione del petrolio e dei suoi derivati a Brindisi; un altro vasto nucleo industriale nei pressi di Bari. Ricordiamo anche le saline del Golfo di Manfredonia. La Puglia ha cinque capoluoghi di provincia: Bari, Taranto, Lecce, Brindisi e Foggia.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email