Ominide 8039 punti

Piemonte-territorio

Il Piemonte è una delle più vaste regioni italiane: per esattezza la seconda, subito dopo la Sicilia. Ha una figura piuttosto compatta, si assottiglia verso nord. Non si affaccia al mare, pur giungendovi vicino. Confina con la Valle d'Aosta, la Lombardia, la Liguria e, per breve tratto, anche con l'Emilia-Romagna. Confina inoltre con due paesi stranieri: la Francia e la Svizzera. Gli appartiene il punto più occidentale del territorio della Repubblica Italiana.
Il territorio si divide in tre parti: montagna, pianura e collina.
La montagna spetta essenzialmente alla Alpi e solo in piccola misura all'Appennino. Il limite fra i due sistemi montuosi è segnato dal Colle di Cadibona, alle spalle del porto Ligure di Savona.
Le Alpi Piemontesi descrivono intorno alla pianura un ampio semicerchio, in cui si susseguono, a partire dall'Appennino Ligure, le Alpi Marittime, Cozie, Graie, Pennine e, in parte, Lepontine.

I passi che collegano il Piemonte alle regioni transalpine sono intorno ai 2000 m d'altitudine. Perciò le strade che li attraversano devono vincere forti pendenze, senza contare l'inconveniente del manto nevosi che per vari mesi dell'anno rende difficile il traffico o addirittura lo interrompe.
L'Appennino è molto più basso delle Alpi, ma ostacola ugualmente le comunicazioni fra il Piemonte e la Riviera ligure.
La pianura, che sale fino a 500 m sul livello del mare, rappresenta la parte più interna della pianura padana, ossia del Po, un antichissimo golfo del Mare Adriatico, poi riempito dai depositi dei fiumi. Nella sua zona alta il terreno è povero, ciottoloso, inciso da profondi letti fluviali; in quella bassa, verso la Lombardia, il terreno è fertile e livellato.
La collina caratterizza la parte sud-orientale della Regione. Comprende: le Colline del Po che culminano presso Torino; le dolci colline del Monferrato; le colline delle Langhe, più mosse e più elevate, alle quali succede la stretta zona di bassa montagna dell'Appennino.
Il clima del Piemonte è di tipo continentale, cioè con estati ed inverni accentuati. In montagna, naturalmente, l'estate è fresca, ma l'inverno diventa più rigido e nevoso.
Il Piemonte è ben fornito di acque, soprattutto grazie alle Alpi, dotate di numerosi ghiacciai e coperte di nevi per buona parte dell'anno. Per questa loro funzione le Alpi sono state soprannominate il castello d'acque d'Europa: una inesausta fonte che dona questo bene, sempre più prezioso, a tutti i paesi circostanti.
Trai i fiumi primeggia il Po che nasce dal Monviso, nelle Alpi Cozie, e si getta nel Mar Adriatico.
Tra i laghi il più vasto è il Lago Maggiore di cui è piemontese la sola sponda occidentale, lombarda quella orientale e svizzera la punta settentrionale. Tutto piemontese è invece il vicino Lago d'Orta. Numerosi laghetti si trovano poi in alta montagna e ai piedi delle Alpi, cioè nella zona subalpina tra le piccole colline formate dai depositi degli scomparsi ghiacciai e dei fiumi.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email