Ominide 13700 punti

La Pesca Europea


Non tutti i mari europei presentano condizioni favorevoli alla pesca: spesso la temperatura e la profondità delle acque non consentono ai pesci di vivere e di riprodursi in gran numero. I mari più pescosi sono i Mari del Nord e di Norvegia; i meno pescosi, il Mar Nero, il Baltico e il Mediterraneo. Nei mari settentrionali si pescano soprattutto aringhe e merluzzi; del Mediterraneo è tipica la pesca dei coralli e delle spugne, mentre nelle acque che circondono la Penisola Iberica pullulano tonni e sardine. La pesca nei fiumi non è molto abbondante; il prodotto più pregiato è lo storione. In Europa il primato dei prodotti della pesca è tenuto dalla Russia Europea, seguita dalla Norvegia e dalla Gran Bretagna. Costa dalmata: veduta dall’alto di un vallone. Lungo le coste dell’Istria e della Dalmazia le insenature profonde e ramificate sono molto numerose: tali forme della costa, a cui viene dato il nome di valloni, sono la conseguenza di antiche valli fluviali invase dal mare. Tipica costa a falaise, sulla sponda britannica del canale della Manica.i monti della catena scandinava, tra i più antichi d'Europa, presentano cime arrotondate che furono spianate nel corso dei secoli dall'azione erosiva degli agenti atmosferici.
infine la pesca più praticata in eroga è quella intensiva del pesce bianco come lo sgombro e le sardine.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email