Ominide 13147 punti

Il Nord Europa è la terra dei contrasti. Nell'lslanda (all'estremo limite settentrionale del continente) il fuoco dei vulcani si oppone a ghiacciai, che con lingue poderose si spingono fino alle gelide acque del mare. La massiccia penisola scandinava comprende la Norvegia e la Svezia. Nel paesaggio, il verde cupo delle immense abetaie (un vero forziere di legname, uno dei prodotti tipici di questi territori) spicca sul grigiore della tundra e sul bianco abbagliante dei ghiacci, che nell'interminabile inverno chiudono nella loro morsa anche i fiumi e le migliaia di laghi che costellano Norvegia e Finlandia. In molti punti, il mare si confonde con la montagna nei fiordi, lunghe spaccature che s'insinuano nella costa rocciosa, tra altissime pareti a strapiombo. Il sole lotta con l'oscurità verso le zone polari dove, nella stagione invernale, le ore di luce si riducono a tre nel corso del giorno.
Sterminate foreste, al cui limite si scorge il bianco abbagliante dei ghiacciai perenni; coste frastagliate, con insenature che serpeggiano dal mare verso l'interno, tra ripide pareti che gettano gelide ombre sul fondo; paesaggi lunari dell'Islanda, l'isola creata dai vulcani, alcuni dei quali ancora scagliano nell'aria ghiacciata lapilli infuocati e sbuffi di vapore. Sono questi gli strani e meravigliosi quadri geografici offerti dal Nord Europa. L'uomo ha scelto le coste per vivere e lavorare a stretto contatto con il mare. In alcune nazioni, come Norvegia e Danimarca, il tiepido abbraccio della Corrente del Golfo rende il clima più dolce.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email