Ominide 11267 punti

Grecia – L’uomo e l’ambiente


Popolazione, lingua e religione: Gli abitanti si distribuiscono in modo irregolare sul territorio. Aree di intenso popolamento son l’Attica, la pianura macedone, la parte occidentale del Peloponneso, le isole di Lesbo, Chio e Samo e le isole Ionie, in particolare Corfù. La fragilità dell’economia ha indotto molti greci ad espatriare verso gli Stati Uniti e i Paesi più progrediti d’Europa. Il reddito pro-capite è fra i più bassi d’Europa e non è distribuito in modo equilibrato; infatti, le aree industrializzate di Atene e di Salonicco hanno un tasso di sviluppo decisamente superiore al resto della Nazione. La popolazione è costituita in grande maggioranza da Greci, ma vi sono anche minoranze etniche bulgare, albanesi, macedoni,e rumene. Lingua ufficiale della Nazione è il greco. La stragrande maggioranza della popolazione professa la religione ortodossa.
Storia e ordinamento politico: Già dal terzo millennio a.C. l’isola di Creta era centro di una fiorente civiltà. Successivamente Atene divenne il cuore della civiltà ellenica e si propose come polo culturale per tutto il Mediterraneo, mantenendo questo ruolo anche durante i primi secoli della dominazione romana. Un primo nucleo dello Stato greco si rese indipendente fin dal 1830. Durante la seconda guerra mondiale il Paese fu attaccato dalle forze fasciste italiane e invaso dai nazisti. Dalla fine degli anni Sessanta fino alla metà degli anni Settanta si impose un regime militare repressivo che prese il nome di “dittatura dei colonnelli”. Ristabilita nel 1974 la democrazia, il Paese si diede un ordinamento democratico. In base alla costituzione del 1975 il potere legislativo spetta al Parlamento, formato da due camere, quello esecutivo è invece affidato al Governo presieduto dal Primo Ministro.
Atene: (3.069.775). Capitale della Nazione dal 1834, sorge nella pianura costiera. Simbolo della civiltà ellenica, è oggi una grande metropoli che raccoglie circa 1/3 dell’intera popolazione greca. Numerose testimonianze storico-architettoniche documentano lo splendore che ebbe nel passato; sulla collina dell’Acropoli, che domina la città, restano i monumenti più significativi: il Partenone, i Propilei, il Tempio di Atena Nike, l’Eretteo, i Teatri di Dionisio e di Ercole Attico. Importante nodo di comunicazione, la città ospita un aeroporto internazionale ma si è sviluppata in modo caotico ed è oggi congestionata dal traffico e inquinata dagli scarichi industriali e dal rumore. L’industria è concentrata attorno al porto del Pireo, il più attivo del Paese, famoso per i commerci fin dall’antichità, quasi interamente ricostruito dopo i danneggiamenti dell’ultima guerra. Centro culturale di primaria importanza, Atene è anche il più sviluppato polo economico della Nazione.
Salonicco: (406.413). Si affaccia sull’omonimo golfo, nella parte settentrionale del Paese. Di antica fondazione, la città fu distrutta da un violento incendio nel 1917 e poi colpita da un disastroso terremoto per cui venne in gran parte ricostruita. Nonostante ciò conserva numerosi monumenti. Dotata di un attivo porto e di un articolato tessuto industriale, Salonicco è la seconda vittà della Grecia per sviluppo economico.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove