Ominide 8039 punti

Risorse ed economia- Danimarca

La Danimarca è caratterizzata da distese di prati e campi coltivati costellati di fattorie dall'aspetto tradizionale. In realtà, le aziende agricole sono condotte con moderni criteri produttivi e con tecnologie avanzate . Per questo, nonostante la grande estensione di superficie coltivata, gli addetti al settore primario sono pochi, mentre la maggior parte della popolazione è impiegata nell'industria e nel terziario.
Circa il 55% del territorio nazionale è destinato all'agricoltura. Si coltivano soprattutto cereali, barbabietole da zucchero e patate. Importante per l'economia danese è l'allevamento bovino e suino, che alimenta una fiorente industria di latticini e di carni insaccate. La pesca è molto sviluppata. Tra i principali porti pescherecci vi è quello di Esbjerg. Il Paese può contare su una consistente flotta di pescherecci che estendono la propria attività oltre il Circolo Polare. La pesca alimenta una forte industria per la conservazione del pesce e per la fabbricazione della farina di pesce.

La Danimarca è dotata di una buona industria di base; i complessi siderurgici nelle zone di Alborg e di Verde producono acciaio e ghisa. Importante è l'industria dei super sfosfati, largamente impiegati in agricoltura. Sempre legata al settore primario è l'industria agro-alimentare e di trasformazione, con zuccherifici e birrifici. Seguono poi l'industria tessile, meccanica,metalmeccanica e chimica. I cantieri navali sorgono nelle città della costa. Attività tradizionali, come la manifattura di ceramiche e di oggetti di vetro, sono ancora oggi fiorenti. Il petrolio e il gas naturale, estratti nel Mare del Nord, non garantiscono il fabbisogno energetico del Paese.
Il settore dei sevizi è molto sviluppato, infatti la Danimarca ha un efficiente sistema di assistenza sociale e sanitaria. Le vie di comunicazione su strada e su rotaia sono molto sviluppate. Nel 2000 è stato inaugurato il lungo ponte dell'Oresundbron che collega Copenaghen alla città svedese di Malmo. Sono molto attivi i traffici ferroviari e aerei, tanto che Copenaghen possiede uno dei maggiori aeroporti del mondo. Il traffico marittimo è rilevante; la Penisola dello Jylland e le isole sono ben collegate tra loro e anche con l'Europa centro-settentrionale. Prospera il turismo, con un flusso annuale di quasi due milioni di visitatori, provenienti soprattutto dalla Germania e dalla Scandinavia.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email